ULTIME NOTIZIE Svizzera
ROVEREDO (GR)
2 ore
Covid, la Moesa non abbassa la guardia
Lo Stato Maggiore del distretto ha discusso con quello ticinese alla luce delle recenti situazioni
SVIZZERA
3 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
4 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
6 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
BERNA
7 ore
Colpo in banca a Köniz: rapinatore in fuga col bottino
I dipendenti sono stati minacciati con una pistola. La polizia cantonale bernese è in cerca di testimoni
SVIZZERA
9 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
VAUD
9 ore
Fête des Vignerons: il Canton Vaud rinuncia alle spese per la sicurezza
Si tratta di circa 1,9 milioni di franchi. La manifestazione era stata archiviata con un deficit di oltre 15 milioni
FRIBURGO
10 ore
Non benissimo l'acqua potabile friburghese
Particelle di metaboliti di clorotalonil sono stati riscontrati in varie regioni del cantone.
GRIGIONI
11 ore
Incidente fatale in parapendio
L'uomo si è schiantato domenica sullo Schollberg forse a causa di una raffica di vento improvvisa.
SVIZZERA
11 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
11 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
11.01.2018 - 10:460
Aggiornamento : 13:45

Reddito di base, cercasi Comune per test

Per poter dimostrare che può funzionare, i promotori sono alla ricerca di una località rappresentativa della popolazione svizzera che abbia meno di 1’000 abitanti. L’esperimento durerebbe un anno

BERNA - Sperimentare in piccolo, per dimostrare che può funzionare su larga scala: i promotori del reddito di base incondizionato sono alla ricerca di un comune elvetico in cui possa essere testato.

L'iniziativa popolare che voleva introdurre una rendita mensile per ciascun abitante, indipendentemente dalle altre sue fonti di reddito o ricchezze personali, è stata respinta il 5 giugno 2016 dal 77% degli svizzeri. Il voto ha mostrato che troppi interrogativi rimangono ancora aperti, afferma in un comunicato Rebecca Panian, regista tedesca che vuole tornare a dare nuova linfa al progetto.

Panian è alla ricerca di una località con 150-1000 abitanti che presenti un interessante mix fra lavoratori, disoccupati, pensionati, famiglie, single, stranieri e beneficiari di rendite AI. "Fondamentalmente possono comunque annunciarsi tutti i villaggi che si ritengono idonei e che sono interessati", spiega Panian nel comunicato.

L'esperimento dovrebbe durare un anno. Durante questo periodo di tempo tutti potranno beneficiare di una garanzia di reddito fissata a 2500 franchi per gli adulti e a 625 franchi per i minorenni. Questo significa che se una persona presenterà un reddito sotto la soglia in questione riceverà la differenza, mentre coloro che guadagnano più di 2500 franchi non si vedranno versare alcun franco supplementare.

Il finanziamento del progetto sarà organizzato appena si saprà quale comune parteciperà all'iniziativa e quale sarà la somma necessaria. «Mi rendo conto che può sembrare un piano folle, ma sono convinta che l'esperimento possa essere finanziato», afferma Panian.

Secondo la regista - che ha collaborato anche con la televisione SRF e che sul tema vorrebbe girare un documentario - si tratta di cambiare l'ottica attraverso cui si guarda il mondo. Le innovazioni tecniche stanno mutando il modo di vivere, lavorare e interagire quale società; le persone vivono sempre più a lungo. Per Panian servono quindi nuove idee, come appunto il reddito di base incondizionato.

Contattata dall'ats, l'attivista ha detto che diversi comuni sono già stati segnalati: la località grigionese di Bergün addirittura due volte. Il progetto è sostenuto dagli iniziativisti che hanno perso la votazione del 2016: nel giugno scorso avevano annunciato di voler organizzare un esperimento.

Un test simile è in corso in Finlandia: dal gennaio 2017 duemila disoccupati scelti in modo casuale ricevono 560 euro al mese: il denaro è elargito senza condizioni, non deve essere tassato e viene ottenuto anche se l'interessato guadagna degli extra. Con l'esperimento, della durata di due anni, il governo intende stabilire se un reddito di base è in grado di semplificare il sistema delle assicurazioni sociali del paese e se può far sì che il lavoro sia meglio distribuito.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 2 anni fa su tio
Statalizziamo tutto, modello comunismo URSS, con tanto di salario uguale per tutti. Senza più ricchi, poveri, barboni, mendicanti, assistenzialisti e altri ancora.
nordico 2 anni fa su tio
A medio-lungo termine, volenti o nolenti, si arriverà a questa soluzione quando non ci sarà più abbastanza lavoro per tutti. Il concetto presentato sopra però non è corretto. Il reddito di base andrebbe versato a tutti, e non solo a chi non guadagna abbastanza, altrimenti equivale a una semplice sovvenzione condizionata. E se esistono condizioni siamo davanti a un trattamento differenziato dei cittadini.
Bacaude 2 anni fa su tio
Premetto che al momento non sono nè pro nè contro. Lo trovo un esperimento interessante che potrebbe anche rivoluzionare un certo modo di vivere. Vorrei solo sollevare un paio di argomenti Chi lavora e ne porta a casa 3'200 non sarebbe incentivato a stare a casa? Viene preso in considerazione il reddito individuale e non famigliare. Questo vuol dire che il coniuge che restava a casa potrebbe fare richiesta del reddito di base? A livello nazionale è sostenibile?
SuperGigio 2 anni fa su tio
Il reddito di base è un progetto fantastico, lungimirante e innovativo.
moma 2 anni fa su tio
Dall'altra parte leggo che l'assistenza sta esplodendo, sempre più, sempre più. Vediamo se possiamo sistemare questo, prima di fare test inutili e perditempo.
elvicity 2 anni fa su tio
no.. dai la valle Morobbia
Gus 2 anni fa su tio
Se in certi comuni non ci fosse solo i bla-bla-bla dovrebbero annunciarsi. Penso soprattutto ad alcuni delle nostre Valli, soprattutto quelli della Leventina, dove vi sono ancora comuni con le caratteristiche richieste: Chironico, Dalpe, Prato Leventina, Personico, Pollegio
matteo2006 2 anni fa su tio
Ottima idea.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 02:16:21 | 91.208.130.87