Keystone
SVIZZERA
11.01.2018 - 10:060

La Catena della Solidarietà contro “No Billag”

Per l’associazione il ruolo della SSR è essenziale per promuovere la sua azione sociale

BERNA - La Catena della Solidarietà si attiva eccezionalmente nella campagna in vista della votazione del 4 marzo contro l'iniziativa No Billag, ritenuta una delle più grande sfide per il 2018. Secondo l'associazione il ruolo della SSR è essenziale per promuovere la sua azione sociale.

Un "sì" all'iniziativa potrebbe mettere in pericolo il partenariato principale della Catena della solidarietà e, nel contempo, il futuro dell'organizzazione stessa, indica quest'ultima nel suo rapporto annuale. Non esiste in Svizzera alcuna piattaforma in grado di sensibilizzare e di mobilizzare la popolazione elvetica con altrettanto successo in caso di grandi catastrofi naturali, anche nelle zone più discoste del Paese.

La Catena della Solidarietà ricorda in un comunicato odierno che grazie a questo partenariato sono stati raccolti oltre 1,7 miliardi di franchi nel corso degli ultimi 70 anni. L'organizzazione, sin dalla sua origine, ha sostenuto con queste donazioni record oltre 3500 progetti in 70 paesi.

Il denaro raccolto lo scorso anno nel corso dell'iniziativa "ogni centesimo conta" permetterà di rafforzare nel 2018 una rete di associazioni in Svizzera grazie a progetti concreti. Inoltre, un fondo specifico sarà destinato quest'anno a persone che vivono in situazione di povertà.

Lo scorso anno la Catena della Solidarietà ha sostenuto 37 organizzazioni impegnate nell'aiuto a giovani in difficoltà e minori non accompagnati. In totale, oltre tre milioni di franchi sono confluiti in 39 programmi.

L'aiuto al villaggio grigionese di Bondo dopo la devastante frana non ha precedenti, indica l'associazione. In totale sono stati raccolti 5,9 milioni di franchi. Per la carestia in Africa, sono stati donati alla Catena della Solidarietà 19,1 milioni di franchi e altri 4 milioni di franchi per i rifugiati rohingya in Bangladesh.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 2 anni fa su tio
Ottimo!??
GI 2 anni fa su tio
dovrebbero magari pagare per lo stesso servizio....pare ovvia la loro contrarietà.....
pontsort 2 anni fa su tio
@GI Mi pare normale che i soldi donati per le emergenze debbano essere usati per finanziare le emittenti....
KilBill65 2 anni fa su tio
Ogni ente faccia il proprio lavoro p.f.!!.....
tip75 2 anni fa su tio
la catena della solidarietà non dovrebbe essere un entità neutra?
KilBill65 2 anni fa su tio
@tip75 Dovrebbe!!....
pontsort 2 anni fa su tio
@tip75 La catena della solidarietà ha bisogno di canali che diffongano i suoi appelli
pulp 2 anni fa su tio
@tip75 Secondo me fanno benissimo a dire quello che dicono. Anche perchè la no-billag non é una votazione "politica" nel senso stretto del termine e quindi una presa di posizione (peraltro intelligente e che dovrebbe far riflettere sulle moltissime possibili conseguenze di un si a questa sciagurata iniziativa) non mina la neutralità "politica" dell'organizzazione. E comunque chi potrà mai effettivamente lanciare i messaggi della catena della solidarietà in Svizzera, come fa oggi la SSR-SRG? Netflix forse? Ma fatemi il piacere

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 00:10:46 | 91.208.130.87