Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Un terzo trimestre robusto per Novartis
Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un fatturato di 12,17 miliardi di dollari, in aumento del 10%
SVIZZERA
19 min
Verdi e Verdi liberali vogliono una nuova formula magica
Per Regula Rytz un'esclusione degli ecologisti dal Governo non rispecchierebbe la volontà popolare
ZURIGO
59 min
UBS: utile netto in calo, ma meglio del previsto
In particolare emerge una buona tenuta della gestione patrimoniale, anche se tale attività non è riuscita a compensare gli effetti negativi dei tassi bassi e delle incertezze geopolitiche
ZURIGO
1 ora
Accattoni allo svincolo e la polizia dà l'allarme
Fingono una panne e poi chiedono i soldi a chi si ferma, la Cantonale: «Illegale, oltre che molto pericoloso»
SVIZZERA
15 ore
Accordo quadro, strada in discesa grazie alle urne?
L'esito del voto di ieri ha escluso dal parlamento diverse voci critiche nei confronti dell'intesa con Bruxelles
SVIZZERA
15 ore
Quando i manifesti vengono vandalizzati dalle mucche
Da stanotte i cartelloni dei politici hanno cominciato a sparire per lasciare il posto ad altri prodotti. I danneggiamenti hanno interessato tutti i partiti
GRIGIONI
16 ore
Aggrediti alla festa della birra, feriti gravemente due ragazzi
Finita la festa uno dei due ventenni ha chiesto ad altre persone presenti in un piazzale una sigaretta, gesto che ha apparentemente portato alla colluttazione
BERNA
17 ore
Capitale blindata per la partita con il Feyenoord
La polizia cantonale bernese ha organizzato imponenti misure di sicurezza in vista dell'impegno di Europa League di giovedì dello Young Boys
SVIZZERA
17 ore
Boom di morbillo, oltre 200 casi nel 2019
La cifra riguarda il periodo fra gennaio e fine settembre. Lo scorso anno i casi furono 34
BERNA
18 ore
VIP non eletti, ecco chi sono
È una sorte toccata a tanti candidati delle elezioni federali
GIURA
18 ore
Scoperti due cadaveri in un appartamento
I due corpi senza vita sono stati trovati a Haute-Sorne
BERNA
18 ore
Sommaruga in India: si parla di energia e trasporti
La consigliera federale oggi ha incontrato i ministri dell'energia, dell'aviazione civile e delle ferrovie
SVIZZERA
20 ore
L'islamista vodese resta dietro le sbarre
Il Tribunale penale federale ha confermato il prolungamento della detenzione preventiva
SVIZZERA
20 ore
Gli elettori UDC non sopportano Greta Thunberg
Nelle elezioni federali i Verdi hanno potuto contare sulle donne e sui giovani. Ecco i risultati dell’ultimo sondaggio Tamedia
VAUD
20 ore
Agguato, stupro e rapina: dovrà scontare 9 anni
Il Tribunale federale ha confermato la condanna inflitta a un 20enne algerino. L'uomo agì in compagnia di un suo connazionale
SVIZZERA
21.12.2017 - 08:290
Aggiornamento : 12:08

Aperto un ufficio umanitario in Siria

«Abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco», ha affermato Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario

BERNA - La Confederazione ha aperto un ufficio umanitario in Siria per migliorare l'accesso agli aiuti per le persone in difficoltà e per accompagnare più efficacemente i progetti sul posto. In questo modo, la Svizzera ha "finalmente occhi e orecchie" a Damasco.

Finora l'aiuto umanitario destinato alla popolazione in situazione di emergenza era fornito principalmente attraverso le rappresentanze svizzere presenti nei Paesi vicini, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). L'impegno nel contesto della crisi siriana è attualmente la più vasta operazione umanitaria condotta dalla Svizzera.

La nota del Dipartimento conferma quindi le affermazioni rilasciate alla radio svizzero-tedesca SRF da Manuel Bessler, delegato del Consiglio federale all'aiuto umanitario: "abbiamo finalmente occhi e orecchie a Damasco", ha detto, precisando che l'ufficio ha aperto tre settimane fa.

La situazione in Siria rimane drammatica e oggi più che mai il sostegno da parte della comunità internazionale è importante, "soprattutto nel Ghuta orientale nei pressi di Damasco", regione nella quale la popolazione soffre della mancanza di cibo e del bisogno di urgenti cure mediche.

Con un ufficio umanitario a Damasco guidato dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), la Svizzera potrà aumentare la propria presenza nella regione, intensificare il dialogo per garantire l'accesso dell'aiuto umanitario alla popolazione, intervenire più incisivamente e accompagnare con maggiore efficacia i progetti sul posto.

L'ufficio sosterrà sia organizzazioni internazionali che locali. Uno degli obiettivi è ad esempio la ricostruzione di ospedali, ha precisato Bessler.

Il conflitto, in corso da sette anni, ha scatenato una delle peggiori emergenze a livello mondiale. La vita di quasi 18 milioni di persone, di cui 13 milioni nel Paese, dipende dall'aiuto umanitario. Dal 2011 la Svizzera ha versato oltre 315 milioni di franchi per sostenere la popolazione colpita dalla guerra.

L'idea di riaprire un ufficio a Damasco circolava già da tempo: l'allora consigliere federale Didier Burkhalter aveva sottolineato lo scorso maggio che si trattava di "rispondere a bisogni umanitari e unicamente umanitari", precisando che la decisione non legittima in nessun modo il regime a livello politico.

Il DFAE ricorda che l'impegno della Svizzera poggia su tre pilastri: sostegno alla popolazione in difficoltà, adozione di una soluzione politica al conflitto e, infine, rispetto e promozione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, anche attraverso la lotta contro l'impunità.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 08:51:50 | 91.208.130.89