GINEVRA
13.12.2017 - 17:190

Giro di vite contro subappaltanti disonesti

Fra le nuove misure, l'impresa subappaltante dovrà almeno provare tre anni di esperienza per ottenere una commessa pubblica

GINEVRA - Per contrastare il dumping salariale e il subappalto abusivo, il Consiglio di Stato ginevrino ha modificato le leggi in materia di commesse pubbliche prevedendo tutta una serie di sanzioni. In futuro, chiunque vinca un appalto dovrà controllare che il subappaltante rispetti le norme in materia di condizioni di lavoro e protezione sociale, pena l'esclusione fino a cinque anni dai mercati pubblici.

Altra novità: come indicato oggi dal Consigliere di Stato Serge Dal Busco, l'impresa subappaltante dovrà almeno provare tre anni di esperienza per ottenere una commessa pubblica.

Con quest'ultima disposizione si mira ad impedire i "fallimenti a ripetizione", ha fatto notare il ministro ginevrino. Capita che alcune imprese vincano con prezzi molto bassi poi, accorgendosi di non poter coprire i costi, dichiarano fallimento. La ditta rinasce allora con altro nome per poi ritentare il "colpaccio" utilizzando gli stessi metodi.

Le collettività pubbliche, per quanto attiene ai concorsi non sottoposti a trattati internazionali, potranno anche scegliere di attribuire un lavoro tenendo conto di criteri sociali come l'impegno a favore dei disoccupati locali, la collaborazione con gli uffici regionali di collocamento, l'impiego di persone disabili e la stabilità del personale.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-23 03:55:53 | 91.208.130.87