ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
45 min
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
5 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
6 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
6 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
7 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
7 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
8 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
8 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
9 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
10 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
11 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
11 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
11 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
12 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
12 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
BERNA
02.06.2016 - 19:080

Riforma delle imprese III: la commissione del Nazionale mantiene le divergenze

BERNA - La Commissione dell'economia e dei tributi (CET) del Consiglio nazionale, pur facendo qualche concessione mantiene grosse divergenze con il Consiglio degli Stati in merito al progetto sulla Riforma III dell'imposizione delle imprese. Il nocciolo della questione è costituito dall'ampiezza degli alleggerimenti fiscali per le aziende.

La maggioranza commissionale ritiene di aver fornito segnali di apertura per un compromesso, ha riferito in una conferenza stampa la presidente della CET Susanne Leutenegger Oberholzer (PS/BL). L'obiettivo è di raggiungere una soluzione entro il 15 giugno.

Restano però grosse divergenze da superare. In primo luogo per la CET un aumento dell'imposizione cantonale dei redditi provenienti dai pagamenti dei dividendi continua ad essere fuori discussione.

Poi raccomanda al plenum, che si occuperà della questione lunedì, di mantenere nella riforma un modello d'imposta sugli utili corretta degli interessi.

La CET rifiuta di aumentare gli aiuti per i Cantoni, confrontati con la fattura, salata, della riforma. Il Consiglio federale propone che Berna riduca della metà (ossia per un miliardo di franchi) le perdite fiscali. A questo scopo la parte cantonale dell'imposta federale diretta sarebbe portata dal 17 al 20,5%. La CET continua a sostenere fondamentalmente questa posizione. Il Consiglio degli Stati ha invece scelto di passare al 21,2%, ciò che rappresenterebbe 154 milioni di franchi supplementari per i Cantoni.

Altre divergenze riguardano il nuovo sistema delle cosiddette patent box e la perequazione finanziaria.
 
 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:02:20 | 91.208.130.87