Immobili
Veicoli

ZURIGOCold case (con ricompensa) a Zurigo

24.03.22 - 14:29
La polizia cantonale ha deciso di riaprire le indagini sull'omicidio di un 22enne ucciso a colpi di pistola nel 1999.
Polizia cantonale Zurigo (immagine illustrativa)
Cold case (con ricompensa) a Zurigo
La polizia cantonale ha deciso di riaprire le indagini sull'omicidio di un 22enne ucciso a colpi di pistola nel 1999.
Per chi fornirà informazioni utili a identificare lo sparatore è previsto un compenso di diecimila franchi.

ZURIGO - La polizia cantonale di Zurigo ha riaperto le indagini sull'omicidio di un giovane ucciso a colpi di pistola nel 1999 a Schlieren (ZH). Una ricompensa di 10'000 franchi è prevista per chi potrà fornire informazioni utili per identificare lo sparatore.

I fatti risalgono alla sera del 3 novembre 1999, quando un uomo di 20 anni fu ucciso e un 22enne rimase ferito. Entrambi erano macedoni del nord residenti nel canton Soletta. L'inchiesta è stata riaperta nella speranza che persone informate dei fatti o testimoni facciano dichiarazioni, scrive oggi in una nota la polizia cantonale zurighese.

All'epoca, i sospetti si erano concentrati su un albanese di 18 anni che è stato arrestato in Italia nel 2000 ed estradato in Svizzera nel 2002. In mancanza di riscontri, il procedimento nei suoi confronti è però stato archiviato nel 2003.

Le indagini iniziali dopo l'omicidio hanno fatto emergere indizi relativi a vari altri reati commessi da persone vicine al sospettato e alla vittima. La polizia non precisa tuttavia di quali delitti si tratti. «Si può supporre che persone coinvolte e interrogate abbiano deliberatamente nascosto informazioni sugli autori e sui loro motivi per non incriminarsi», scrive in proposito la polizia cantonale.

Ora che tutti i delitti correlati - a eccezione dell'omicidio - sono in prescrizione, gli inquirenti hanno promesso la ricompensa di 10'000 franchi nella speranza di ottenere «informazioni che possano essere utilizzate in tribunale per identificare il colpevole».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA