ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
ZURIGO
7 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
9 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
10 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
SVIZZERA
12 ore
«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»
La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»
FRIBURGO
13 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
SOLETTA
14 ore
Il Canton Soletta dichiara guerra ai giardini ghiaiosi
Un atto parlamentare del PS additava quella che definiva una «nuova moda». Il Governo ha riconosciuto l'esistenza del problema e intende promuovere i prati fioriti
SVIZZERA
15 ore
Gli svizzeri vivono di più, ma il livello d'istruzione pesa
Tra il 1990 e il 2015 l'aspettativa di vita degli uomini è passata da 78 a 82 anni e quella delle donne da 83 a 86
VAUD
15 ore
Maestro di yoga sfruttò sessualmente le allieve, confermata la pena di 9 anni
Cinque donne l'avevano denunciato ed era scattala la condanna - per coazione sessuale - da parte del tribunale distrettuale prima e della corte d'appello poi
LUCERNA
15 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
SVIZZERA
23.10.2019 - 10:060
Aggiornamento : 10:41

È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere

Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati

LUCERNA - Avrebbe ucciso tre persone, incluso un bambino. E sarebbe anche stato coinvolto in ulteriori omicidi come complice. Nel 1995, Zoran P. è stato condannato in Bosnia-Erzegovina. Ma è riuscito ad evitare il carcere fuggendo e nascondendosi indisturbato in Svizzera, sotto il nome di suo fratello. Per oltre 20 anni. Si è sposato, ha avuto figli ed è diventato nonno. Lo scorso anno, dopo essere stato rintracciato dalla polizia bosniaca nel Canton Lucerna, è stato rimpatriato in Bosnia-Erzegovina.

Il suo avvocato, Dejan Bogdanovic, gli ha fatto visita in prigione: «Sta bene, è calmo e lucido», spiega. Ma, aggiunge, vuole un nuovo processo. «Vuole tornare in tribunale e dire la sua verità».

«Non conoscevo la sua identità» - Un vicino di casa, raggiunto da 20 Minuten, afferma di essere a conoscenza dell'arresto di P., ma spiega di non aver notato mai nulla di strano in lui: «Non ha mai cercato un contatto», precisa. «Si era solo presentato come Dalibor». Sulla sua vera identità, insomma, non si sapeva nulla prima del suo arresto. «Sua moglie è convinta che sia innocente»,prosegue ancora. Probabilmente la donna, in tutti questi anni, non è mai stata messa al corrente dei segreti del marito. «Certo che, dopo 20 anni di matrimonio, è uno shock».

«Accuse false» - In una dichiarazione al Tribunale penale federale, P. ha sostenuto che il verdetto del 1995 è stato strumentalizzato per ragioni politiche. L'uomo afferma di non essere coinvolto nel crimine ed essere stato costretto a rilasciare una falsa testimonianza dalla polizia a suon di botte e maltrattamenti.

Le accuse, la condanna, la fuga - I documenti giudiziari tuttavia mostrano come, nel 1993, si sia offerto come passatore per portare una famiglia dalla Bosnia-Erzegovina in Svizzera. Con un complice, durante il viaggio ha quindi deciso di ucciderli e rapinarli. 

Nel gennaio del 1994, P. avrebbe anche accettato denaro da un amico per cacciare una coppia musulmana da un appartamento. Insieme a due uomini, P. avrebbe guidato un plotone nell'abitazione della coppia. Gli inquilini sarebbero stati condotti con un tranello sulla riva di un fiume prima di essere uccisi e privati di tutti i loro beni.

Dopo essere stato condannato a 12 anni e 10 mesi di reclusione nell'ottobre 1995, Zoran P. ha scelto di sparire. Ma come poteva vivere in Svizzera con una falsa identità, indisturbato, sposarsi e ricevere assistenza senza che le autorità se ne accorgessero?

Zoran P. è arrivato in Svizzera nel 1995 con documenti falsi, presentando domanda di asilo. Ammesso provvisoriamente, si è sposato con un cittadina svizzera ricevendo così, automaticamente, un permesso B.

Con il matrimonio P. ha preso il cognome di sua moglie. Nel 2004, ha presentato per la prima volta alle autorità di Lucerna un passaporto dal suo paese d'origine. Ma nessuno si è accorto che il documento era falso.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:53:54 | 91.208.130.87