20 Minuten
SAN GALLO
16.08.2019 - 15:400

Allenatore in carcere, shock fra i genitori: «Era uno di famiglia»

C'è incredulità e sconcerto nella comunità di Wil per l'arresto di un 40enne sospettato di reati sessuali ai danni di alcune ginnaste del Centro Regionale della Svizzera orientale

SAN GALLO - Incredulità. Amarezza. Paura. L'arresto del capo-allenatore di ginnastica artistica del Centro Regionale della Svizzera orientale di Wil ha scioccato un'intera comunità. L'uomo di 40 anni è attualmente in carcere perché sospettato di reati sessuali ai danni di alcune ginnaste. 

Secondo il sito tagblatt.ch, che per primo ha rivelato la vicenda, l'allenatore è stato denunciato da una giovane ginnasta che sarebbe stata vittima degli abusi (la cui gravità non è nota) alla fine degli allenamenti.

Ricerche intraprese da 20 Minuten dimostrano che il 40enne godeva di un'ottima reputazione presso il centro sportivo. Questo fatto rende lo shock dei genitori ancora più grande. «Abbiamo saputo la vicenda dai media. Sono molto delusa dal comportamento del RLZ», confida una mamma. «Nell'email inviata martedì sera (il giorno in cui l'uomo è stato arrestato, ndr) il centro citava solamente un abuso di fiducia».

La maggior parte delle giovani atlete passavano circa 25 ore a settimana con l'accusato: «Era uno di famiglia. Non riesco a credere che sia accusato di abusi sessuali», sottolinea un'altra madre. E.A, la cui figlia è una delle ginnaste, non crede invece alle accuse rivolte contro l'allenatore: «Qualcuno vuole sicuramente sbarazzarsi di lui».

Per l'uomo, ricordiamo, vale la presunzione d'innocenza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:14:50 | 91.208.130.85