Tipress (archivio)
Il delitto era avvenuto nel 1997.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
30 min
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
1 ora
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
1 ora
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
3 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
3 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
3 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
4 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
5 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
6 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
URI
6 ore
Ubriaco, cerca di scappare dalla polizia. Nei guai un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Il contenuto della valigia di Emeka Obi sarà trasmesso all'Italia
ZURIGO
6 ore
Trema la Bahnhofstrasse, la Manor se ne va
ZURIGO
7 ore
Manor via dalla Bahnhofstrasse: «La città è profondamente rammaricata»
SVIZZERA
25.07.2019 - 12:300

La Corte di Strasburgo respinge il ricorso di un kosovaro

L'uomo era stato condannato a 18 anni di carcere per aver ucciso con svariati colpi di pistola un membro di una famiglia rivale nel corso di una faida tra due clan

BERNA - La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha respinto il ricorso di un kosovaro condannato in Svizzera a 18 anni di carcere per assassinio. Il delitto, avvenuto nel 1997, rientrava in una faida tra due clan.

Nel maggio 1997 il capo del clan del ricorrente era stato ucciso in Kosovo, un mese più tardi un membro della famiglia rivale è stato ammazzato in Svizzera. Il ricorrente e un suo cugino sono stati condannati nel 2010 dal Tribunale distrettuale di Laufenburg (AG) per aver sparato tra i 15 e i 17 colpi in testa alla vittima.

Davanti alla CEDU il ricorrente, che sconta la sua pena in Kosovo, ha invocato una violazione del diritto a un processo equo: lamentava di non aver potuto porre domande a suo zio e al figlio di quest'ultimo, già comparsi davanti alla giustizia nel 2001.

L'uomo riteneva pure che le dichiarazioni fatte da suo padre durante un'udienza del 1998 erano inutilizzabili in quanto questi non era stato assistito da un interprete e da un avvocato. Infine rinfacciava alle autorità svizzere di non aver informato questi tre testimoni del loro diritto all'assistenza consolare.

In una decisione pubblicata oggi la CEDU ha respinto le tre rimostranze per motivazione insufficiente. In dettaglio rileva che le dichiarazioni dello zio e del figlio di questi non sono stati gli unici elementi a carico, mentre il padre era stato informato del suo diritto all'assistenza nel 1998 ma vi aveva rinunciato.

Infine i giudici di Strasburgo ritengono che il ricorrente non abbia dimostrato in quale misura il fatto che i testimoni non fossero stati informati del loro diritto all'assistenza consolare avrebbe avuto effetto sull'equità del suo processo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:33:00 | 91.208.130.86