keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
VAUD
12 ore
Caduta mortale nella gola del Chauderon
Una 62enne è precipitata per una cinquantina di metri
URI
12 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
14 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
14 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
15 ore
Quasi 90enne, il Glacier Express è sempre più amato
Il caratteristico treno rosso ha registrato un +10% di passeggeri: «Continua a essere una delle esperienze ferroviarie di maggior richiamo del mondo»
LUCERNA
17 ore
Beccato con la targa contraffatta e senza patente
Il 32enne polacco è stato fermato ieri nei pressi di Triengen
SVIZZERA
17 ore
Feriti sulle piste: 140 interventi in un weekend
È stato un fine settimana intenso per la Rega. Numerosi gli sciatori soccorsi per infortuni
ARGOVIA
17 ore
Trovata morta una donna scomparsa a fine dicembre
Il corpo della 64enne è stato rinvenuto a pochi chilometri di distanza dal suo domicilio
VALLESE
06.11.2018 - 19:120

La giustizia indaga su rapporti fra Infantino e un procuratore

Secondo inchieste giornalistiche si sarebbero vicendevolmente scambiati favori

SION - La giustizia vallesana si muove per far luce sui legami fra il presidente della Fifa Gianni Infantino e il procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold, che secondo inchieste giornalistiche si sarebbero vicendevolmente scambiati favori: sul caso è stato attivato un procuratore straordinario.

«Il primo procuratore dell'ufficio regionale dell'Alto Vallese è stato pubblicamente messo in causa per la sua vicinanza con il presidente della Fifa, dal quale avrebbe ricevuto benefici e per il quale avrebbe organizzato un incontro con il Ministero pubblico della Confederazione», si legge in un comunicato diffuso nel pomeriggio dalla procura cantonale.

Presunzione d'innocenza - L'autorità ha quindi «deciso di affidare a un procuratore straordinario il compito di accertare i fatti precisi e di determinare se possano o meno rientrare nel campo di applicazione del diritto penale». Arnold gode della presunzione di innocenza e continua ad esercitare le funzioni per le quali il Gran Consiglio lo ha eletto, prosegue la procura, che non rilascia ulteriori dichiarazioni sul tema.

Rapporti non chiari - I rapporti fra Infantino e Arnold - che è fra l'altro presidente dell'FC Briga - sono uno degli aspetti sollevati dalle indagini di European Investigative Collaborations (EIC), un consorzio europeo di media che ruota in particolare attorno a Der Spiegel e che si basa sui cosiddetti Football Leaks: documenti che mettono in luce le relazioni tra il mondo del calcio e le sue istituzioni con vari altri attori, come la finanza globale.

Amico d'infanzia - Stando a queste rivelazioni giornalistiche Arnold avrebbe intercesso a diverse riprese in favore dell'amico d'infanzia Infantino, ottenendo informazioni presso il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) e un incontro con lo stesso numero uno dell'autorità federale, Michael Lauber.

Il procuratore avrebbe beneficiato di diversi inviti: gli ultimi riguarderebbero i mondiali, con la partita Svizzera-Costa Rica e l'ottavo di finale fra Russia e Spagna: Arnold avrebbe avuto accesso all'area VIP, come sarebbe peraltro testimoniato anche da un autoscatto con il re di Spagna inserito su Facebook. Nel maggio 2016 era stato notato alla finale della Uefa Champions League a Milano: al Walliser Bote Arnold ha però precisato che si è pagato da solo il volo e l'albergo.

In precedenza Arnold si sarebbe offerto di aiutare Infantino - vallesano alla testa della Fifa dal febbraio 2016 - la sera stessa della perquisizione dei locali Uefa di Nyon (VD) da parte dei funzionari MPC, il 6 aprile 2016. «Si può far sì che il ministero pubblico diffonda un comunicato stampa che spieghi che non è in corso un procedimento nei tuoi confronti», avrebbe affermato. Arnold avrebbe anche in precedenza accompagnato Gianni Infantino a una riunione a Berna con il procuratore generale Lauber e con il suo addetto alla comunicazione, un altro alto-vallesano, André Marty.

La vicenda sta provocando anche movimento a Berna. Stando alla stampa domenicale alcuni esponenti della Commissione della gestione del Consiglio nazionale vorrebbero convocare Lauber, affinché si esprima sul caso.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-18 05:54:35 | 91.208.130.89