Keystone
VALLESE
01.10.2018 - 16:450
Aggiornamento : 17:09

Cold case sul Cervino

La montagna ha restituito alcuni resti appartenenti a un alpinista giapponese scomparso quattro anni fa

ZERMATT - Ossa umane e del materiale da montagna. Li ha ritrovati la sera del 11 settembre un soccorritore di Zermatt nei pressi del Cervino. Un vero e proprio "Cold case" visto che i resti, restituiti dal versante est della montagna a causa dello scioglimento delle nevi, appartengono a un alpinista giapponese di 40 anni scomparso quattro anni fa.

Il quarantenne nipponico, infatti, era svanito nel nulla il 23 luglio del 2014 mentre era diretto - in solitaria - alla vetta del Cervino. Le analisi del DNA richieste dalla polizia cantonale vallesana hanno confermato - in questi giorni - che i mortali resti appartenevano proprio a lui.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:24:26 | 91.208.130.89