Immobili
Veicoli
20 Minuten
BASILEA CITTÀ
24.09.2018 - 11:070

Pestato e ucciso per uno smartphone: arrestato un 29enne

Lo scorso 7 settembre il Ministero pubblico aveva deciso di offrire una ricompensa di 10’000 franchi a chi lo avrebbe aiutato ad arrestare il colpevole

BASILEA - Un 29enne sloveno è finito in manette nell’ambito dell’inchiesta sull’aggressione sulle sponde del Reno costata la vita a un 41enne portoghese la notte di sabato 28 luglio.

Secondo le indagini, il responsabile ha colpito ripetutamente il 41enne perché sospettava che poco tempo prima nei paraggi gli avesse rubato lo smartphone. Successivamente ha perquisito (probabilmente invano) i suoi vestiti e si è dileguato. Il 41enne portoghese era stato trovato ferito, ma ancora cosciente. Un'ambulanza lo aveva trasportato all'ospedale, dove era deceduto dopo qualche ora.

Poco dopo il pestaggio era finito in manette un 18enne cittadino spagnolo coinvolto nel litigio, verificatosi su una gradinata a lato del fiume.

Lo scorso 7 settembre il Ministero pubblico aveva deciso di offrire una ricompensa di 10’000 franchi a chi lo avrebbe aiutato ad arrestare il colpevole. L'uomo è stato fermato grazie a informazioni fornite dai cittadini, indica oggi il Ministero pubblico di Basilea Città.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 17:17:18 | 91.208.130.89