Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
35 min
I regali di Natale sono «poco importanti» per gli svizzeri
Solo il 3% della popolazione tra 16 e 74 anni li attende con impazienza. E uno svizzero su 10 pensa che vadano soppressi
VAUD
1 ora
Clima, il sindaco di Losanna: «Abbonamento ai mezzi a 100 franchi per i giovani»
Grégoire Junod critica il costo eccessivo dei trasporti pubblici: «Servono misure che colleghino ecologia e sociale»
SVIZZERA
2 ore
Gli americani vogliono comprare i nostri Tiger
Pronto un accordo da quaranta milioni di dollari. Negli States saranno impiegati nelle esercitazioni
LUCERNA
13 ore
Esplosione in un appartamento, ferito gravemente un ragazzino
Sul posto si sono recati gli specialisti dell'Istituto forense di Zurigo
GINEVRA
13 ore
Granconsigliere Simon Brandt, rilasciato ieri e interrogato oggi
Il deputato avrebbe commesso illeciti in qualità di consigliere comunale della Città di Ginevra e di dipendente del servizio di analisi strategica della polizia
VAUD
15 ore
Extinction Rebellion, fermati e denunciati 90 attivisti
L'obiettivo del raduno di Losanna era attirare l'attenzione di popolazione e autorità sulla crisi climatica
GINEVRA
17 ore
Mayor e Queloz accolti con tutti gli onori
I vincitori del Nobel per la fisica 2019 sono stati accolti oggi dalle autorità ginevrine dopo aver passato dieci giorni in Svezia
VIDEO
TURGOVIA
18 ore
La polizia ha sfidato onde di 2 metri sul Lago di Costanza
Gli agenti turgoviesi hanno diffuso un video per testimoniare come il forte vento renda difficile la navigazione
FOTO
VAUD
21 ore
Extinction Rebellion blocca la rue Centrale a Losanna
Circa 500 persone stanno manifestando da questa mattina a favore di una maggiore attenzione sulla crisi climatica
BERNA
15.08.2018 - 17:080

La fedpol perquisisce la sede principale della Posta

Nuovo episodio nello scandalo AutoPostale: la polizia federale sospetta di possibili infrazioni contro la legge federali sui sussidi

BERNA - Nuovo episodio nello scandalo di AutoPostale scoppiato ai primi di febbraio: l'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha effettuato oggi una perquisizione nella sede principale della Posta a Berna per il sospetto di possibili infrazioni contro la legge federale sui sussidi.

Una portavoce di fedpol ha confermato all'agenzia Keystone-ATS la notizia pubblicata dal "Blick" sul suo sito online. La perquisizione ha riguardato i locali della Posta come quelli della filiale AutoPostale. Lo scopo è mettere al sicuro potenziale materiale probatorio, ha aggiunto la portavoce.

Lo scorso 27 febbraio il Consiglio federale aveva deciso di affidare a fedpol il procedimento penale amministrativo contro la Posta in relazione alle irregolarità riscontrate nelle sovvenzioni concesse a favore del traffico viaggiatori regionale di AutoPostale.

Le irregolarità - comunicate per la prima volta al pubblico il 6 febbraio - erano venute a galla nell'ambito delle attività di revisione svolte dall'Ufficio federale dei trasporti: l'UFT ha appurato che AutoPostale tra il 2007 e il 2015 ha incassato indebitamente, attraverso manipolazioni contabili, sussidi federali e cantonali per un totale di 78,3 milioni di franchi.

L'assunzione dell'inchiesta da parte di fedpol è avvenuta dopo che il Ministero pubblico della Confederazione e la Procura generale del canton Berna, presso i quali l'UFT aveva sporto denuncia penale il 14 febbraio, si erano dichiarati non competenti essendo giunti alla conclusione che le presunte infrazioni fatte valere nella denuncia stessa rientrano nel diritto penale amministrativo.

Il 13 marzo fedpol ha reso noto che la conduzione dell'inchiesta è stata affidata all'ex giudice federale Hans Mathys, affiancato dal giudice Pierre Cornu del Tribunale cantonale di Neuchâtel. Entrambi gli inquirenti possono contare sul sostegno di una squadra di specialisti della stessa fedpol. Dal canto suo, per contribuire a far luce sulla vicenda, La Posta ha nominato un gruppo di tre esperti esterni.

La vicenda AutoPostale ha suscitato grande scalpore e un vero terremoto all'interno della Posta. Il 10 giugno la direttrice generale del "gigante giallo" Susanne Ruoff ha finito per cedere alle pressioni e ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato, assumendosi la responsabilità di quanto avvenuto ma negando di essere stata a conoscenza delle irregolarità. Il giorno dopo, il Consiglio di amministrazione della Posta - a sua volta criticato da più parti - ha comunicato l'esonero dell'intera direzione di Autopostale.

Il 16 giugno ha annunciato le proprie dimissioni anche il vicepresidente del cda Adriano Vassalli, seguito dieci giorni dopo da un altro membro dell'organo di vigilanza, Susanne Blank, mentre è rimasto in sella il presidente Urs Schwaller, finito anch'egli nel mirino dei politici.

Il 6 luglio si è poi appreso che l'UFT ha chiesto alla Posta chiarimenti anche sull'uso delle sovvenzioni pubbliche per la filiale AutoPostale relative al periodo prima del 2007. A metà giugno Urs Schwaller aveva indicato che gli imbrogli di AutoPostale sono probabilmente iniziati già alla fine degli anni '90. Nel rapporto di indagine commissionato dalla Posta si parla di trucchi contabili a partire dal 1998.
 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 11:20:48 | 91.208.130.87