tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
1 ora
Beccato con la targa contraffatta e senza patente
Il 32enne polacco è stato fermato ieri nei pressi di Triengen
SVIZZERA
2 ore
Feriti sulle piste: 140 interventi in un weekend
È stato un fine settimana intenso per la Rega. Numerosi gli sciatori soccorsi per infortuni
ARGOVIA
2 ore
Trovata morta una donna scomparsa a fine dicembre
Il corpo della 64enne è stato rinvenuto a pochi chilometri di distanza dal suo domicilio
SVIZZERA
2 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
2 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
3 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
4 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
5 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
SVIZZERA
8 ore
Quando gli apprendisti sono costretti a portare il caffè
Ai giovani in formazione vengono spesso affidati compiti non previsti nella loro funzione. I sindacati chiedono più controlli
BERNA
13.06.2018 - 15:010

Decine di migliaia di bambini testimoni o vittime di maltrattamenti 

Nelle grandi regioni del Lemano e Zurigo vengono rilevati molti più casi pro capite di quanto succeda in Ticino

BERNA - Ogni anno in Svizzera decine di migliaia di bambini sono testimoni o vittime di violenze fisiche o psicologiche, abusi sessuali o anche di negligenze. Secondo uno studio, i giovanissimi che si rivolgono ad associazioni di sostegno sono tra 30'000 e 50'000.

Le cifre rappresentano tra il 2 e il 3,3% dei giovani in Svizzera, precisa la Fondazione UBS Optimus nel suo recente studio sui maltrattamenti dei bambini pubblicato oggi. Alcuni di questi si rivolgono per la prima volta a organizzazioni per la protezione dell'infanzia, ma vi sono anche casi ricorrenti. Solitamente a segnalare i casi sono i genitori, i pediatri o gli psicologi scolastici.

Nelle grandi regioni del Lemano e Zurigo «vengono rilevati molti più casi pro capite di quanto succeda, per esempio, in Ticino», indicano gli studiosi, precisando che ciò è dovuto a una rete di presa a carico molto più ampia.

La trascuratezza nei riguardi dei bambini (22,4%) - giudicata tuttavia bassa nel confronto internazionale - è la principale forma di maltrattamento registrata dallo studio. A seguire vi è quella fisica (20,2%) e psicologica (19,3%). I testimoni di violenza coniugale rappresentano il 18,7% delle segnalazioni, mentre il 15,2% è legato ad abusi sessuali. A seguire, in minima parte, sono altre forme di maltrattamenti, indica la fondazione.

Tre bambini su quattro presi a carico dalle organizzazioni per la protezione dell'infanzia subiscono violenza da persone provenienti dalla loro cerchia più stretta. Esclusi gli abusi sessuali, circa un maltrattamento su tre è causato da genitori. Dal rapporto emerge che nei casi di trascuratezza sono in particolare le donne a essere le principali responsabili, mentre in tutte le altre forme la causa è maggiormente una figura maschile.

Gli abusi sessuali si verificano soprattutto sulle bambine, osservano gli autori dello studio, mentre si registra una quota maggiore di fanciulli nei casi di maltrattamenti fisici o di trascuratezza.

Inoltre, dai dati emerge che generalmente i minori vittime di maltrattamenti fisici entrano in contatto con le organizzazioni dell'infanzia dopo i dieci anni. Ciò indica che in Svizzera la violenza fisica non viene rilevata oppure si identifica troppo tardi in alcuni settori dell'assistenza.

I ricercatori hanno chiesto di partecipare all'inchiesta 432 organizzazioni - su un totale di 643 fra autorità di protezione dei bambini e degli adulti, servizi sociali, sanitari e di diritto penale - ma tra queste solo l'81% ha fornito i propri dati.

Lo studio è stato effettuato tra settembre e novembre 2016. I dati sono stati poi calcolati su base annua e sul totale delle 643 organizzazioni esistenti in Svizzera. Ogni 10'000 minori si registra una media di 66 casi (in Ticino 25).

Nel periodo di riferimento, le organizzazioni interpellate hanno fornito oltre 12'500 prestazioni, affidandone circa 9'500 ad altre autorità. Estrapolando i dati su base annua, le prestazioni fornite sarebbero tra 67'000 e 111'000, indica il rapporto.

Lo studio Optimus è stato lanciato nel 2007 per raccogliere dati rappresentativi su diffusione e forme di maltrattamenti su bambini e giovani.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 14:26:09 | 91.208.130.85