Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
18 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
28.05.2018 - 19:120

Chiusura degli uffici postali, «dare più potere a PostCom»

È l'opinione del Consiglio degli Stati

BERNA - La Commissione federale della posta (PostCom) deve avere l'ultima parola in caso di chiusura di uffici postali. È l'opinione del Consiglio degli Stati che ha approvato oggi, con 23 voti contro 14, una iniziativa cantonale del Giura. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Ad ogni chiusura o trasformazione di un ufficio postale, la Posta informa le autorità comunali in maniera puramente formale, senza peraltro tener conto del loro parere, spiega il canton Giura nel testo dell'iniziativa. Inoltre, il parere di PostCom non è vincolante visto che può solo emettere raccomandazioni.

Per questo motivo il Giura vuole che PostCom pronunci una decisione formale impugnabile e non una semplice raccomandazione. I cittadini devono peraltro potersi opporre alla chiusura di un ufficio postale con una raccolta di firme pari al numero di quelle necessarie per una iniziativa comunale.

La Posta dovrebbe inoltre adottare misure compensatorie affinché le regioni interessate dalle chiusure di uffici postali conoscano anche gli effetti positivi della sua strategia di diversificazione, ha spiegato Claude Hêche (PS/JU). Una minoranza avrebbe voluto bocciare l'iniziativa per aspettare un progetto di legge sulla Posta che il governo sta già preparando su incarico del Parlamento.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:14:31 | 91.208.130.85