Keystone
ARGOVIA
20.02.2018 - 15:140
Aggiornamento : 17:06

Dramma familiare, è stato l'uomo a uccidere la moglie e il nipotino

Lo scorso venerdì sono stati trovati in un appartamento i corpi di un 77enne, una 55enne e un bambino di 4 anni. Armi del delitto una pistola e un coltello

SPREITENBACH - Ci sarebbe l’uomo dietro al dramma familiare avvenuto lo scorso venerdì a Spreitenbach. In un appartamento erano stati trovati i corpi senza vita di un 77enne e sua moglie di 55 anni, e di un bambino di 4 anni, nipote della donna.

I risultati delle autopsie sui tre corpi senza vita confermano la pista del dramma famigliare. Il bimbo di 4 anni è morto per le ferite provocate da una pistola e da un coltello da cucina, ha reso noto oggi la Procura di Baden. La donna di 55 anni è stata uccisa con l'arma da fuoco, mentre le cause della morte del 77enne non sono ancora state chiarite con certezza.

Sul corpo del presunto autore del delitto non sono state trovate ferite esterne. Stando alla nota, l'ipotesi più probabile è che il decesso del 77enne sia stato causato da un «fattore interno».

Gli inquirenti precisano inoltre che il 77enne era un cittadino svizzero, mentre la moglie e il nipotino erano entrambi cittadini peruviani. L'arma del delitto non era una pistola dell'esercito. All'interno dell'appartamento è stato inoltre sequestrato un coltello da cucina, probabilmente quello utilizzato contro il bambino.

I fatti - Le forze dell'ordine si sono recate nell’appartamento situato a Glatterweg alle prime ore di venerdì, in seguito a una segnalazione arrivata da una persona che non riusciva a rintracciare i familiari. L’appartamento risultava chiuso a chiave ed è stato necessario l’intervento di un fabbro per aprire la porta. Ad allarmare le forze dell'ordine sarebbe stata la mamma del bambino, che non riusciva a contattare la madre a cui aveva affidato suo figlio per poter preparare la festa di compleanno del piccolo, che proprio venerdì compiva quattro anni.

Il motivo del dramma non è ancora stato chiarito, così come la sequenza con cui si sono svolti i tragici eventi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 08:36:40 | 91.208.130.89