BERNA
26.11.2017 - 14:530

Tre persone sospettate di finanziamento del terrorismo

Il Ministero pubblico della Confederazione starebbe indagando

BERNA - Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) starebbe indagando su tre persone - fra cui due sorelle - residenti in Romandia sospettate di finanziamento del terrorismo. Stando alla NZZ am Sonntag, che riferisce oggi della vicenda, il terzetto è accusato di aver sostenuto con denaro l'Isis.

Le due sorelle con domicilio nel canton Vaud sono finite anche temporaneamente in carcere, afferma il domenicale. Una di loro si sarebbe recata personalmente in Siria e avrebbe versato 6400 dollari a un intermediario in contatto con i vertici dello Stati Islamico. L'altra donna è invece accusata di aver pagato 630 dollari.

Il nome delle due presunte simpatizzanti dell'Isis sarebbe stato fatto da un jihadista francese sotto inchiesta in Francia. Costui avrebbe anche riferito che le sorelle pianificavano un attentato, cosa che le interessate invece smentirebbero.

Il terzo indagato dall'MPC sarebbe l'ex compagno di una delle due donne. Il figlio minorenne comune sarebbe pure lui al centro di un'inchiesta - già dal febbraio 2016 - della procura vodese. Sarebbe stato intenzionato a unirsi all'Isis e avrebbe avuto contatti con due romandi arrestati nell'estate 2016 all'aeroporto di Zurigo mentre erano di ritorno dalla Siria.

Secondo la NZZ am Sonntag attualmente presso l'MPC sono pendenti circa una sessantina di procedimenti che hanno legami con lo jihadismo.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 13:13:56 | 91.208.130.86