BASILEA CITTÀ
13.07.2015 - 15:390

Falso allarme bomba, la polizia alla caccia della voce sconosciuta

Ancora sconosciuti sia il movente sia la paternità del procurato allarme a Basilea

BASILEA - Sconosciute sono sia la paternità sia le motivazioni che hanno spinto un uomo a telefonare, lunedì mattina, verso le 10.30, alla direzione di un'azienda finanziaria, informandola che era stata depositata una carica detonante e che sarebbe esplosa nella mezz'ora successiva.

Finora la polizia criminale di Basilea Città, riferisce, attraverso una nota diramata nel pomeriggio, che uno sconosciuto aveva chiamato la ditta Cashcloud che nella mezz'ora succesiva sarebbe esplosa una bomba. Inoltre aveva minacciato il personale.

La polizia aveva isolato la zona, messo in campo decine di agenti e fatto evacuare una settantina di persone da diversi immobili. Durante l'intervento degli agenti i mezzi pubblici sono stati deviati e l'accesso ai diversi stabili che si affacciano alla Theaterstraße e allo Steinenberg sono è stato bloccato.

Oltre alla polizia all'intervento hanno partecipato uomini dei pompieri, soccorritori, le guardie di confine, i tecnici dell'azienda dei trasporti pubblici cittadina e la polizia criminale del ministero pubblico. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
polizia
basilea città
bomba
città
allarme
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-21 18:21:34 | 91.208.130.86