VALLESE
06.11.2014 - 15:250
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Avviata inchiesta disciplinare contro un alto funzionario vallesano

SION - Il Consiglio di Stato vallesano ha avviato un'inchiesta disciplinare nei riguardi del capo del servizio cantonale dell'insegnamento Jean-Marie Cleusix, nonché del segretario della commissione di ricorso in materia fiscale. Entrambe sono state affidate ad un esperto friburghese, il cui rapporto sarà consegnato al più tardi il 31 marzo 2015.

Dandone l'annuncio oggi, il presidente dell'esecutivo vallesano Jean-Michel Cina precisa che il governo ha aderito in questo modo alle raccomandazioni emesse inizio ottobre dalle commissioni di gestione (Cogest) e di giustizia (Coju) del Gran consiglio.

Cleusix è sospettato di aver confuso vita privata e attività professionali, inviando una stagista del suo servizio ad una conferenza stampa convocata dal comune di Leytron, con il quale il funzionario intrattiene da anni una vertenza fiscale. Ha inoltre chiesto alla stagista di presentarsi quale membro del servizio d'informazione del Cantone.

Secondo quanto indicato oggi dall'esecutivo cantonale, è stato il capo del dipartimento Oskar Freysinger a chiedere a Cleusix di ottenere informazioni sulla conferenza stampa. Gli appunti raccolti dalla stagista sono stati comunicati al consigliere di Stato, prima oralmente poi per iscritto. Il Consiglio di Stato afferma di non esserne venuto a conoscenza.

Una seconda inchiesta disciplinare è stata avviata parallelamente contro il segretario della commissione di ricorso in materia fiscale (CCR), accusato dalla Coju di passività nella vertenza sorta fra Cleusix e il comune di Leytron. Nel loro rapporto, i granconsiglieri raccomandano peraltro lo scioglimento della CCR, auspicando che le sue competenze vengano attribuite al Tribunale cantonale.

Al riguardo, l'esecutivo vallesano suggerisce di incaricare una commissione extraparlamentare di studiare la questione. Nell'attesa, l'effettivo della CCR è stato provvisoriamente rafforzato.

Seguendo anche in questo caso le raccomandazioni della Cogest, il Consiglio di Stato applicherà d'ora in poi nuove modalità di assunzione del personale statale: i candidati dovranno fornire informazioni relative alla loro "integrità" e la loro situazione fiscale.

Sarà pure rafforzata e resa "più trasparente" la comunicazione delle informazioni in seno allo stesso governo, "in modo da consolidare la direzione collegiale di temi che interessano diversi dipartimenti o che sono in relazione con la reputazione dello Stato".

Lo scorso gennaio, il sindaco di Leytron Patrice Martinet aveva convocato la stampa per rivelare che Cleusix non aveva pagato le imposte comunali relative al periodo 1995-1998, cadute nel frattempo in prescrizione a causa di errori attribuiti alla CCR, alla quale il funzionario si era rivolto per contestare la tassazione.

Nel suo rapporto, la Cogest aveva sottolineato che Cleusix - nominato capo del servizio dell'insegnamento nel dicembre 2013 - non avrebbe dovuto essere designato a quest'incarico prima che fosse regolata definitivamente la sua situazione fiscale. Il governo precisa oggi che l'alto funzionario rimarrà in carica per la durata dell'inchiesta disciplinare.

Ats

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 23:05:59 | 91.208.130.86