Keystone/Gaetan Bally
SVIZZERA
14.07.2014 - 11:390
Aggiornamento : 12.11.2014 - 14:12

Meno emissioni di CO2, ma la strada è ancora lunga

Nel 2013 si è registrato un calo dell'1,7 per cento da combustibili rispetto all'anno precedente

BERNA - La statistica del CO2 per il 2013 evidenzia un calo dell’1,7 per cento delle emissioni da combustibili rispetto all’anno precedente, un calo più lieve è stato registrato per i carburanti. Le emissioni si attestano tuttavia ben oltre l’obiettivo intermedio del 2014, se si vuole evitare un aumento della tassa sul CO2 dal 2016.

Con la statistica annuale del CO2 l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) verifica l’evoluzione delle emissioni di CO2 da combustibili e carburanti. Per poter effettuare un raffronto negli anni, in tale statistica l’influsso delle temperature invernali sull’utilizzo di olio da riscaldamento e di gas si compensa mediante la cosiddetta correzione in base alle condizioni atmosferiche. 

La statistica del CO2 per il 2013 mette in luce un netto aumento delle emissioni di CO2 derivanti dal consumo di combustibili tra il 2012 e il 2013 (+5,4%). Questo aumento è riconducibile al tempo relativamente freddo nel 2013 e al conseguente consumo elevato di energia per il riscaldamento. Se si considera la correzione in base alle condizioni atmosferiche rispetto all’anno precedente, infatti, si è registrato un calo dell’1,7 per cento, che conferma la tendenza degli ultimi anni. 

Nonostante il continuo aumento delle prestazioni del traffico, le emissioni di CO2 da carburanti fossili si sono stabilizzate dopo il 2008 o sono in leggero calo, dello 0,4 per cento lo scorso anno. Questo effetto, riconducibile alla maggiore efficienza nei consumi dei nuovi veicoli, va amplificato negli anni a venire per poter raggiungere i valori prefissati.

Nel 2013 le emissioni di CO2 da carburanti superano del 12,4 per cento i valori del 1990, mentre quelle da combustibili, corrette in base alle condizioni atmosferiche, sono inferiori del 19,3 per cento. 

L’andamento delle emissioni di CO2 da combustibili, tenuto conto del fattore climatico, è determinante per adeguare la tassa relativa, che oggi ammonta a 60 franchi per tonnellata di CO2. Il prossimo aumento è previsto per il 2016, se non si raggiungeranno gli obiettivi intermedi definiti per il 2014. Se nel 2014 le emissioni di CO2 da combustibili rispetto al 1990 supereranno il valore soglia del 76 per cento, la tassa sul CO2 raggiungerà 72 franchi per tonnellata di CO2, se supereranno il 78 per cento la tassa sarà di 84 franchi. 

Nel 2013 il valore determinante si è attestato all’80,7 per cento delle emissioni rispetto al 1990, ben oltre i valori soglia che si dovrebbero raggiungere nel 2014 per scongiurare un aumento della tassa sul CO2 dal 1° gennaio 2016. 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 11:02:47 | 91.208.130.86