ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
23 min
MPC indaga su un caso di corruzione in Mozambico
La vicenda risale a sei anni fa. Coinvolti anche tre ex quadri di Credit Suisse
SVIZZERA
28 min
Ai sindacati un posto nel Cda della Posta
Lo ha proposto il Consiglio Federale, secondo Sommaruga però non sarà un ticinese. E c'è già un possibile nome
ZURIGO
1 ora
L'aeroporto di Zurigo dovrà pagare 93'000 franchi per gli scavi archeologici
Lo ha stabilito il Tribunale federale. Le spese processuali ammontano a 5'000 franchi
SVIZZERA
1 ora
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
1 ora
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
2 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
SVIZZERA
3 ore
Covid in Svizzera, altri 23 casi
Per il secondo giorno consecutivo il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
SVIZZERA
3 ore
Tariffe forfettarie per il settore ambulatoriale
Si inizia con chirurgia della mano, radiologia, chirurgia pediatrica, medicina vascolare, chirurgia oculare e anestesia
SVIZZERA
4 ore
Manifestazioni, «La polizia agisca in maniera proporzionale»
Gli organizzatori dovranno poi prevedere piani di protezione (disinfettante, mascherine, formazione di piccoli gruppi)
SVIZZERA
5 ore
In maggio fallimenti in calo, ma si attende uno tsunami
Il fenomeno è dovuto al fatto che durante la pandemia le aziende non hanno potuto dichiarare bancarotta
SVIZZERA
22.01.2014 - 11:500
Aggiornamento : 03.11.2014 - 01:42

Gas serra, c'è potenziale in trasporti e abitazioni

BERNA - I trasporti e gli edifici abitativi sono i settori che presentano il maggior potenziale di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2020. In questi due rami, la diminuzione potrebbe essere di oltre 3 milioni di tonnellate di CO2. È quanto emerge da un rapporto del Consiglio federale, in risposta a un postulato del consigliere nazionale Bastien Girod (Verdi/ZH).

 

L'industria e i servizi offrono possibilità di risparmio leggermente inferiori. Il miglioramento degli involucri degli edifici e i progressi nell'efficienza delle macchine, degli impianti, dei veicoli e degli apparecchi giocano un ruolo essenziale.

 

A seconda del settore, i costi delle misure di riduzione sarebbero compresi tra i 150 e i 320 franchi per tonnellata di CO2 risparmiata. Queste spese diminuiranno considerevolmente a più lungo termine.

 

I potenziali e i costi di riduzione delle emissioni di gas serra nel settore agricolo non sono stati calcolati nello studio. Stando a una precedente valutazione, che risale al 2009, il potenziale di riduzione tecnico è stimato in circa 0,5 milioni di tonnellate di CO2 nel 2020, indica in una nota l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM).

 

Arsenale di misure - Per raggiungere l'obiettivo fissato nella legge sul CO2 (ovvero ridurre entro il 2020 le emissioni di gas serra del 20% rispetto al 1990), il Consiglio federale punta a un rafforzamento ripetuto delle misure esistenti. Se le emissioni prodotte dai combustibili non diminuiscono come preventivato, la tassa sul CO2 verrà aumentata nel 2016 e nel 2018, passando rispettivamente a 72 e a 96 franchi per tonnellata.

 

Il programma volto a promuovere il risanamento degli edifici e l'investimento nelle energie rinnovabili verrà aumentato a 300 milioni nel 2014 e a 600 milioni nel 2015.

 

Gli obiettivi per le automobili nuove saranno ridotti da una media di 130 grammi di CO2 per chilometro a 95 grammi entro il 2020. Mediante altre misure e inasprimenti puntuali sarà possibile raggiungere lo scopo di riduzione stabilito nella legge.

 

La battaglia non è finita - Secondo il Consiglio federale, la battaglia non è però finita. Risparmi di emissioni di circa il 45% rispetto al 1990 potrebbero essere realizzati entro il 2050, se i provvedimenti venissero applicati e ulteriormente inaspriti anche dopo il 2020.

 

Per limitare l'aumento globale della temperatura a un massimo di 2 gradi, oltre a un contenimento dell'incremento delle emissioni nei Paesi emergenti, entro il 2050 i Paesi industrializzati dovranno comunque ridurre le proprie emissioni di almeno l'80% rispetto al 1990. Il rapporto del Consiglio federale dimostra che la Svizzera è in grado di raggiungere questo obiettivo.

 

Ma è altresì necessario che anche a livello internazionale venga riconosciuta la massima priorità alla politica climatica. Misure di politica ambientale, energetica e dei trasporti dovranno essere attuate a livello mondiale: ad esempio, sarebbe necessario aumentare considerevolmente il tasso di risanamento degli edifici, impiegare i combustibili e i carburanti in modo più efficiente, nonché incrementare la diffusione della mobilità elettrica.

 

Ats

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 15:28:24 | 91.208.130.89