Immobili
Veicoli

SVIZZERAQuando il Covid ha ucciso più del cancro

05.08.22 - 13:34
I dati dell'Ust tagliano la testa a un vecchio tormentone pandemico
tipress
Quando il Covid ha ucciso più del cancro
I dati dell'Ust tagliano la testa a un vecchio tormentone pandemico
Nei mesi di picco del 2020 il virus ha superato qualsiasi altra causa di morte in Svizzera. Surclassando anche le malattie cardiache

BERNA - Ma il cancro fa più vittime, e nessuno ne parla. Argomenti da bar e, quando i bar erano chiusi, da telefonata o video-chiamata tra amici e parenti in lockdown, con ricerca su internet di dati a conferma o smentita della tesi. I dati però allora non c'erano, o erano inattuali. Ora ci sono e mettono un punto alla questione. 

A fornirli è l'Ust, nel mezzo di un'estate in cui la pandemia sembra lontanissima. Per tenere il passo dell'emergenza l'Ufficio federale di statistica ha velocizzato i tempi dell'indagine annuale sulle cause di morte in Svizzera. «Alla luce della mortalità dovuta alla pandemia, stiamo al momento accelerando la procedura di codifica e pubblicazione in modo da fornire informazioni il più rapidamente possibile» precisa l'Ust sul suo sito web. 

Accelerazione ha un senso relativo, in ambito statistico: i dati sono del 2020, con uno scarto di "solo" un anno e mezzo. L'indagine mette a confronto mese per mese le cause di morte e i decessi in Svizzera, dividendoli per sesso ed età dei deceduti. 

Numeri alla mano, nel nostro paese i decessi per Covid come causa prevalente (lo studio distingue tra causa "prevalente" e "concomitante") sono stati 582 nel mese di marzo per primo anno pandemico. La fascia maggiormente colpita è quella tra i 65 e gli 84 anni (281 decessi), ma le prime vittime "giovani" tra i 45 e i 64 anni (31) iniziavano a preoccupare anche i più increduli. Ad aprile le vittime schizzano a 1392, di cui 748 over 85.  

La fine della prima ondata è fotografata dal dato di maggio: 168 decessi totali. Ma come sappiamo era solo l'inizio. In autunno i decessi tornano a salire esponenzialmente: 603 a ottobre, 3389 a novembre (di cui 1895 ultra 85enni) fino al picco di 3672 a dicembre. 

Se i numeri per loro natura non dicono tutto - le vite spezzate, le famiglie in lutto, la paura - a illuminarli un po' è il confronto con altri dati abbondantemente presenti nell'indagine dell'Ust. Nel complesso la causa principale di morte nel 2020, a livello federale, sono le malattie dell'apparato circolatorio, seguite dal cancro. Nei mesi di picco però, il Covid ha ucciso di più. Più della somma di tumori e malattie cardiache messi insieme.

Il coronavirus è stato più letale della somma di tutti i tipi di tumore nel mese di aprile (1293 decessi contro 1392 per Covid) e nei mesi di novembre (1312 contro 3389) e dicembre (1375 contro 3672). Anche i decessi dovuti a malattie cardiache si attestano su numeri ampiamente inferiori, nei tre mesi in questione (ad aprile 1283, a novembre 1447 e a dicembre 1611). Una matematica che non sottrae né aggiunge nulla alla sofferenza collettiva degli ultimi due anni. Ma alle discussioni da bar, ora che sono aperti, forse sì.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA