Immobili
Veicoli

SVIZZERAAccoglienza nei centri d'asilo, Amnesty critica la Svizzera

29.03.22 - 08:14
Gli abusi ci sono stati, rivela il rapporto annuale sui diritti umani stilato dall'organizzazione.
Ti Press
Fonte Ats
Accoglienza nei centri d'asilo, Amnesty critica la Svizzera
Gli abusi ci sono stati, rivela il rapporto annuale sui diritti umani stilato dall'organizzazione.
Il nostro Paese ha invece fatto diversi passi avanti per quanto concerne le questioni di genere.

BERNA - Amnesty International sottolinea i progressi che la Svizzera ha fatto nell'ultimo anno sulle questioni di genere. L'organizzazione deplora invece gli abusi scoperti in alcuni centri d'asilo e gli attacchi alla libertà di riunione.

Nel suo rapporto annuale sullo stato dei diritti umani nel mondo, Amnesty International afferma che il 2021 è stato caratterizzato da tendenze contraddittorie nella lotta contro la violenza sulle donne. Il governo svizzero, come i Paesi Bassi e la Spagna, ha lavorato per riformare la legislazione sullo stupro. In Svizzera si è formata un'ampia coalizione a favore di un diritto penale moderno in materia sessuale, basato sul principio del consenso esplicito, scrive la sezione svizzera di Amnesty. «Stiamo assistendo a una mobilitazione senza precedenti per una legge che dovrebbe proteggere meglio le persone contro la violenza sessuale», commenta Alexandra Karle, direttrice di Amnesty Svizzera, citata in un comunicato.

Anche la protezione dei diritti LGBTI ha recuperato terreno, precisa l'organizzazione di difesa dei diritti umani ricordando che il 26 settembre 2021, il 64,1% del popolo svizzero ha approvato il "matrimonio per tutti", così come la procreazione assistita per le lesbiche.

Abusi nei centri di asilo - Nel suo ultimo rapporto, Amnesty critica l'accoglienza dei richiedenti asilo. L'anno scorso, un'inchiesta ha rivelato abusi da parte di guardie di sicurezza private contro ospiti dei centri federali di asilo, compresi i bambini.

Le indagini commissionate dalle autorità hanno rivelato «un uso sproporzionato della forza in almeno tre casi su sette», si legge nel capito del rapporto dedicato alla Svizzera. Tuttavia non sono state formulate chiare raccomandazioni sulla protezione dei "lanciatori di allerta" (whistleblower) e sull'istituzione di un meccanismo indipendente di denuncia, ha sottolineato Amnesty Svizzera.

L'organizzazione cita anche l'evacuazione degli attivisti dalla collina di Mormont, vicino a Eclépens (VD), la scorsa primavera. 43 attivisti sono stati incriminati. "L'imposizione di pene detentive ad alcuni manifestanti a seguito di atti di disobbedienza civile ha indebitamente limitato i loro diritti alla libertà di espressione, di coscienza e di riunione pacifica", ha dichiarato Amnesty.

Creazione INDU - A settembre, il Parlamento federale ha dato il via libera alla creazione di un'istituzione nazionale per i diritti umani (INDU), che prenderà il posto del Centro nazionale di competenza per i diritti umani. L'iniziativa giunge dopo 20 anni di campagne da parte della società civile, nota Amnesty. I dettagli dello statuto e del finanziamento della INDU devono ancora essere definiti. L'istituzione dovrebbe iniziare a funzionare nel 2023.

Il rapporto annuale 2021/2022 di Amnesty International riguarda 154 paesi, compresa la Svizzera. Ogni paese è trattato in un capitolo separato.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA