Immobili
Veicoli

SVIZZERA«In inverno viene prodotta poca energia»

30.01.22 - 11:59
Per il presidente di ASE, il Paese necessita «di un rapido potenziamento delle energie rinnovabili e idroelettriche».
Keystone
SVIZZERA
30.01.22 - 11:59
«In inverno viene prodotta poca energia»
Per il presidente di ASE, il Paese necessita «di un rapido potenziamento delle energie rinnovabili e idroelettriche».
Stando a Michael Wider il ritorno al nucleare non sarebbe però un'opzione: «È giunto il momento di prendere decisioni importanti per assicurare l'approvvigionamento».

BERNA - La Svizzera necessita di un rapido potenziamento delle energie rinnovabili, dell'espansione dell'idroelettrico e di ulteriori misure in inverno, quando viene prodotta troppa poca energia. Lo sostiene il presidente dell'Associazione delle aziende elettriche svizzere (ASE) e membro della direzione di Alpiq Michael Wider.

«C'è ancora tempo per adottare misure e scongiurare la penuria di elettricità che potrebbe caratterizzare gli inverni svizzeri dal 2025», ha precisato Wider in un'intervista al SonntagsBlick. I bacini di accumulazione potrebbero ad esempio trattenere maggiore acqua per produrre più energia tra febbraio e aprile quando questa scarseggia.

Per farlo non potranno però contare sui 15 progetti idroelettrici che i cantoni, la consigliera federale Simonetta Sommaruga e le associazioni ambientaliste avevano identificato per una rapida realizzazione: questi non saranno completati entro il 2025. «È ora di agire, non siamo i campioni di velocità», ha fatto notare Wider.

Se le energie rinnovabili non potranno colmare le lacune, si dovrà giocoforza puntare anche su soluzioni meno attraenti, come le centrali a gas. L'energia nucleare non è invece un'opzione, innanzitutto perché il popolo lo ha deciso nel 2017 - a tal proposito Wider ha detto che il divieto di una tecnologia non è mai stata una buona decisione - ma poi anche perché non ci sarebbe il tempo necessario per costruire una nuova centrale.

Secondo Wider è giunto il momento di prendere decisioni importanti per la sicurezza dell'approvvigionamento. Per questo motivo, dal suo punto di vista, «sarebbe davvero spiacevole se la discussione sull'energia nucleare ritardasse questo processo».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA