Cerca e trova immobili

SVIZZERATutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche

18.01.22 - 14:29
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
Keystone
Otto eventi presso la centrale di Gösgen.
Otto eventi presso la centrale di Gösgen.
Fonte ats
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
L'Ispettorato federale della sicurezza nucleare: «Tutti gli impianti sono in buone condizioni di sicurezza».

BERNA - Nelle cinque centrali atomiche svizzere si sono verificati l'anno scorso 22 eventi nucleari e radiologici (minori) con obbligo di segnalazione, uno in meno rispetto al 2020.

Tutti gli impianti nucleari sono in buone condizioni di sicurezza, scrive oggi in una nota l'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN). I requisiti per la sicurezza nucleare sono in particolare stati soddisfatti anche durante la disattivazione della centrale nucleare di Mühleberg (BE).

La lista dell'autorità federale di vigilanza comprende otto eventi segnalati alla centrale nucleare di Gösgen (SO), dove lo scorso 12 novembre si è verificato un arresto automatico del reattore durante lavori di manutenzione.

Altri cinque eventi hanno interessato la centrale di Leibstadt (AG), quattro il reattore 1 di Beznau (AG) e tre la centrale di Mühleberg (BE) - l'impianto nucleare definitivamente disattivato alla fine del 2019. Altri due episodi hanno riguardato il reattore 2 di Beznau.

L'IFSN ha pure registrato due eventi con obbligo di notifica agli impianti nucleari dell'Istituto Paul Scherrer (PSI), nel canton Argovia, e uno al deposito intermedio di scorie nucleari Zwilag a Würenlingen, pure in Argovia.

In conformità con le misure di protezione contro il Covid-19, l'IFSN ha effettuato anche nel 2021 ispezioni annunciate e non notificate, oltre ai necessari colloqui di sorveglianza, si legge nella nota.

COMMENTI
 

seo56 2 anni fa su tio
Il nucleare che ne dicano i Verdi e gli ecoisterici é il futuro!!
NOTIZIE PIÙ LETTE