Immobili
Veicoli
News-Scout/20 Min
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
15.01.2022 - 17:250

Lunghissime code per andare a sciare

Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.

«Appena abbiamo visto la coda siamo tornati indietro, mai visto nulla di simile», ha dichiarato una sciatrice ad Adelboden.

BERNA - Nonostante i casi record di Omicron, il bel tempo ha attirato in massa gli appassionati di sci e di sport invernali sulle piste e nelle stazioni sciistiche elvetiche.

L'impianto di Adelboden-Lenk, nel Canton Berna, è stato preso d'assalto. Già alle nove del mattino gli sciatori e gli snowboarder si sono trovati in una lunga fila per prendere la cabinovia. Una visione che ha fatto desistere qualcuno: «Quando abbiamo visto tutta quella gente, siamo tornati subito indietro», ha detto una 25anne di Frutigen, interpellata dal quotidiano 20 Minuten. «Di solito, anche il sabato e con il bel tempo facciamo magari 30 minuti di fila, oggi c'era il triplo delle persone. Non ho mai visto nulla di simile».

Matthias Werren, responsabile marketing del comprensorio sciistico, ha dichiarato al riguardo che si aspettava dai 20'000 ai 25'000 ospiti oggi, il che è paragonabile ai giorni di punta del passato. Coronavirus? Werren non è preoccupato: «Stiamo rispettando le misure, e l'esperienza della scorsa stagione mostra che tutto ha funzionato bene con le misure di protezione, e siamo orgogliosi di questo». Inoltre, ha detto, i tempi di attesa non sono poi così lunghi. «Con un biglietto online ci si muove rapidamente, le nostre gondole possono contenere fino a dieci ospiti».

La situazione è stata simile in altre stazioni sciistiche. Ad esempio, è un giorno da record anche a Sörenberg (Lucerna). Un 56enne ha fotografato la lunga coda da casa sua. Anche a Flumserberg i parcheggi sono già stati tutti occupati dalle nove. 

In Ticino, lo ricordiamo, la situazione relativa alla neve e alle temperature ha reso la stagione - almeno finora - difficilissima per gli impianti. Per questo weekend sono stati infine aperti - seppur in modo parziale - solo alcuni comprensori, tra cui Airolo-Pesciüm, Bosco Gurin, e Campo Blenio

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 10:05:46 | 91.208.130.87