Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
13 min
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
VAUD
1 ora
Mormont, pene pecuniarie per gli attivisti
I cosiddetti "zadisti" erano accusati di violazione di domicilio e impedimento di atti dell'autorità
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Sotto l'effetto di droga e alcol, ruba l'auto al compagno della madre
È successo domenica mattina a San Gallo. Il mezzo è stato abbandonato nelle vicinanze del domicilio
VALLESE
3 ore
Botte da orbi fuori dalla discoteca: due feriti
La rissa è scoppiata sabato mattina all'uscita di un locale di Sion.
SVIZZERA
3 ore
Un'inspiegabile impennata di epatite E
È stata registrata all'inizio del 2021. In tutto l'anno sono stati accertati 105 casi
ARGOVIA
4 ore
Alterco uomo-donna, 49enne gravemente ferito
La 32enne, che avrebbe usato violenza fisica sul malcapitato, è stata arrestata.
SVIZZERA
4 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
4 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
5 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
ZURIGO
5 ore
L’ospedale di Wetzikon premia i suoi infermieri
Il dieci per cento in meno di lavoro e salario invariato: questa la soluzione per far fronte alla carenza di sanitari.
SVIZZERA
16.11.2021 - 14:090
Aggiornamento : 15:49

Vaccino e quinta ondata: parola agli esperti

Mentre sale il numero dei ricoveri e dei contagi, la task force anticipa l'estensione del richiamo agli under 65

Terza dose per tutti già da fine novembre. Ma gli esperti avvertono: «Sarà comunque un altro inverno di ospedali sovraccarichi»

BERNA - I contagi da Covid 19 in Svizzera continuano a salire. Oggi sono arrivati a quota 4 297, e i ricoveri giornalieri - 76 - si avvicinano in modo preoccupante alla soglia di guardia indicata dalla task-force (80 al giorno). Una situazione che assomiglia purtroppo sempre più a quanto già visto lo scorso inverno. 

Ma le differenze non mancano. La copertura vaccinale, anzitutto. La terza dose. E anche meno restrizioni. Mentre i paesi vicini inaspriscono alcune misure - Austria e Germania hanno iniziato, l'Italia ci sta pensando - la Svizzera valuta il da farsi. 

Oggi a prendere la parola sono gli esperti federali che gestiscono la campagna vaccinale. A Berna è stata organizzata una conferenza stampa con Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo delle infezioni (Ufsp) e Michael Beer, vicedirettore dell'Ufficio federale di sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav), a capo del progetto dell'offensiva vaccinale. Presenti anche Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le questioni vaccinali (Ekif) e Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo, presidente dell'Associazione dei medici cantonali.

«Siamo nella fase ascendente di una nuova ondata di contagi, la quinta» ha spiegato Masserey. Il 15% dei posti di terapia intensiva negli ospedali svizzeri è attualmente occupato da pazienti Covid. La crescita dei contagi è attualmente più forte tra bambini e adolescenti, ha spiegato Masserey. A essere ricoverate invece sono soprattutto le persone con più di 80 anni. «Ma sono colpite persone di tutte le età». La metà degli ospedalizzati ha meno di 60 anni. Circa il dieci percento sono persone completamente vaccinate.

«La Settimana della vaccinazione è finita, ma non l'offensiva vaccinale» ha commentato Beer, che sottolinea come gli ultimi due concerti musicali organizzati dalla Confederazione settimana scorsa abbiano registrato il "sold out" dopo che è stato eliminato il boicottaggio lanciato nei primi giorni da gruppi di attivisti no Vax. Beer sottolinea che non sono stati fissati obiettivi quantitativi prima della settimana di vaccinazione. I responsabili erano consapevoli che i numeri delle vaccinazioni estive non potevano più essere raggiunti.

Per quanto riguarda le iniezioni di richiamo, Christoph Berger ha precisato che «per ora» la campagna continua a concentrarsi sui gruppi di età più avanzata. «La vaccinazione di richiamo è meno urgente per le persone sotto i 65 anni» aggiunge. Questi gruppi di età si sono fatti vaccinare più avanti nel corso dell'anno e potranno sottoporsi al richiamo fino a nove mesi dopo la seconda vaccinazione. Fra poche settimane, ha aggiunto Berger, dovrebbe giungere l'autorizzazione per i soggetti più giovani, ossia sotto i 65 anni.

La prospettiva è comunque di «un inverno che metterà a dura prova il sistema sanitario» ha concluso Berger. Rudolf Hauri ha rincarato la dose. «Non possiamo dire che la Settimana vaccinale sia stata un grande successo finora» ha dichiarato. I Cantoni lavoreranno nei prossimi giorni e settimane per garantire che la quota di popolazone vaccinata aumenti ancora il più possibile. Numeri alla mano, negli ultimi sette giorni si è registrato un incremento del 34% delle prime dosi inoculate rispetto alla settimana prima: tale azione, ha precisato Masserey, continuerà comunque nei cantoni ancora nelle settimane a venire.

Articolo in aggiornamento...

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 16:17:54 | 91.208.130.89