Immobili
Veicoli

SVIZZERAI Cantoni hanno già dovuto revocare 200'000 certificati Covid

14.10.21 - 08:03
Le ragioni riguardano soprattutto nomi sbagliati, ma anche qualche falsificazione.
Tipress
SVIZZERA
14.10.21 - 08:03
I Cantoni hanno già dovuto revocare 200'000 certificati Covid
Le ragioni riguardano soprattutto nomi sbagliati, ma anche qualche falsificazione.
Andreas Faller: «L'UFSP deve garantire al più presto una completa trasparenza».

BERNA - Dall'inizio della campagna di vaccinazione, i Cantoni e i centri di vaccinazione hanno rilasciato circa sei milioni di certificati per le persone completamente vaccinate. Tuttavia, non tutto è sempre filato liscio. Nel canton Vaud, i farmacisti avrebbero rilasciato un centinaio di certificati falsi. Indagini sono in corso anche nel canton Vallese. 

Nuove cifre dell'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione mostrano che i cantoni e le autorità hanno finora revocato 203'910 certificati. La cifra include anche i certificati rilasciati a coloro che sono guariti e a quelli che sono stati testati - anche se il numero di casi non segnalati è probabilmente ancora più alto.

Le cifre sono state richieste dall'attivista Hernani Marques (membro del gruppo"Vaccinati contro il certificato Covid") per il portale Öffentlichkeitsgesetz. 

Nomi errati - La Confederazione fa sapere che la maggior parte dei richiami erano dovuti alla registrazione di un nome errato - ad esempio un nome scritto sbagliato, o l'assenza di un secondo nome. La conferma arriva anche dai cantoni contattati da 20 Minuten. «Abbiamo riemesso molti certificati per persone vaccinate perché il nome era stato scritto male, per lo più quando la persona l'ha registrato da sola, o il secondo nome mancava rispetto alla carta d'identità», ha dichiarato un portavoce della direzione sanitaria di Basilea Campagna. 

Il canton San Gallo ha richiamato più di 17'050 certificati di vaccinazione solo negli ultimi tre mesi. Principalmente perché i nomi o i cognomi erano stati dimenticati o perché differivano dalle informazioni del passaporto. In rari casi, anche la data di nascita ha dovuto essere modificata. In termini di tempo, la correzione può essere effettuata in due o tre minuti. Tuttavia, con 200'000 certificati revocati in tutta la Svizzera, si raggiungono le migliaia di ore di lavoro.

Il caos si è verificato soprattutto all'inizio della campagna vaccinale: i dati registrati online per la richiesta di vaccinazione non corrispondevano ai dati ufficiali sul passaporto o sulla carta d'identità. A quanto pare, molti non si erano resi conto che tutti i dati dovevano essere precisi. Soprattutto all'estero, un certificato di vaccinazione con il soprannome o il nome accorciato invece del nome intero, per esempio, può causare problemi.

Mercato nero - Oltre ai certificati che sono stati - involontariamente - emessi con nomi sbagliati, ci sono anche casi in cui i certificati sono stati ottenuti con l'inganno e quindi le autorità sono dovute intervenire. Finora nel canton Lucerna ben 254 certificati per i malati sono stati bloccati per precauzione. «Nel corso di una revisione, il Dipartimento della Salute e dello Sport si è imbattuto in casi in cui le persone avevano ottenuto un certificato con informazioni false», ha dichiarato a 20 Minuten David Dürr, capo del dipartimento.

Per l'ex vicedirettore dell'UFSP, Andreas Faller, questi falsi certificati sono molto significativi: «Se i certificati sono stati ottenuti con la frode su larga scala, allora abbiamo un problema serio. L'UFSP deve garantire al più presto una completa trasparenza, indicando dove ci sono stati errori amministrativi e quanti di questi 200'000 certificati sono stati effettivamente rilasciati a persone che non erano né vaccinate, né guarite, né testate».

Se ciò non dovesse avvenire, la fiducia nel certificato rischia di crollare, secondo Faller: «Se non si dimostra in modo definitivo quanti di questi 200'000 certificati sono effettivamente falsi, le persone rimarranno turbate, e rappresenterà il pane per i denti degli oppositori della legge Covid».

Una richiesta all'UFSP da parte di 20 Minuten è rimasta senza risposta mercoledì. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA