SVIZZERaSegnalata una ventina di molestie alla Chiesa nel 2020

16.09.21 - 14:21
Le denunce riguardano due casi recenti e altri diciannove già caduti in prescrizione.
Ti-Press
Fonte ats
Segnalata una ventina di molestie alla Chiesa nel 2020
Le denunce riguardano due casi recenti e altri diciannove già caduti in prescrizione.
Per la conferenza dei vescovi questa cifra mostra che le misure attuate nel 2002 stanno avendo effetto.

BERNA - Lo scorso anno sono stati denunciati alla Chiesa cattolica due casi recenti di molestie sessuali e altri 19 casi caduti in prescrizione. Per la Conferenza dei vescovi svizzeri (CFS), le statistiche mostrano che le misure prese nel 2002 stanno avendo un effetto.

Il numero di casi segnalati nel 2020 è nella media degli ultimi anni, ha annunciato la Conferenza. Dei due casi avvenuti l'anno scorso, uno riguarda un prete che lavorava temporaneamente in una parrocchia e ha fatto allusioni sessuali a una donna di 60 anni. Il suo impiego non è stato prorogato. Nel secondo caso, una donna adulta sotto l'effetto dell'alcol - secondo quanto lei stessa ha affermato - ha provocato l'aggressione o l'atto sessuale durante una consulenza a domicilio. C'è stata una discussione con il prete interessato.

L'assemblea della Conferenza dei vescovi, che si è svolta a Visp (VS) da lunedì a mercoledì, ha anche sostenuto la richiesta del Consiglio svizzero delle religioni di permettere un aiuto rapido all'Afghanistan, concedendo asilo. La Svizzera dovrebbe facilitare l'ammissione dei rifugiati attraverso il reinsediamento e concedere almeno un'ammissione temporanea ai rifugiati afgani respinti, sostiene la Conferenza.

Per quanto riguarda la pandemia Covid-19, i vescovi ritengono che il virus possa essere contenuto solo attraverso la solidarietà. Incoraggiano quindi tutti i sacerdoti, cappellani e credenti a vaccinarsi. «Nessuno ha il diritto di contaminare gli altri», affermano nel loro comunicato.

NOTIZIE PIÙ LETTE