Keystone
ZURIGO
02.08.2021 - 10:130
Aggiornamento : 12:37

Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz

La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.

I manifestanti puntano il dito contro le due grandi banche elvetiche che «hanno finora fatto tutto tranne che reagire adeguatamente alla crisi climatica».

ZURIGO - È iniziato attorno alle 8.30 lo sgombero dei circa 200 attivisti per il clima che da questa mattina hanno invaso la Paradeplatz a Zurigo bloccando le entrate della sede centrale di Credit Suisse e della filiale di UBS per protestare gli investimenti delle due grandi banche nei combustibili fossili. La polizia di Zurigo ha accompagnato trenta di loro in centrale per ulteriori accertamenti.

I manifestanti hanno ostruito il passaggio con barili, file di biciclette e sedendosi a terra. "L'azione ha avuto successo e si è svolta in tutta sicurezza", ha dichiarato Frida Kohlmann, portavoce per la settimana d'azione Rise Up for Change. Due ore dopo gli stessi attivisti hanno annunciato che le forze dell'ordine hanno iniziato l'evacuazione perché - hanno spiegato citando i funzionari di polizia - «non soddisfano i requisiti per un'occupazione di domicilio».

Stando a un comunicato degli attivisti, «le istituzioni finanziarie svizzere, soprattutto Credit Suisse, UBS e la BNS, investono miliardi in aziende che estraggono e bruciano petrolio, carbone e gas» mentre la gente muore per gli effetti della crisi climatica, come le inondazioni o incendi. «Credit Suisse e UBS hanno finora fatto tutto tranne che reagire adeguatamente alla crisi climatica» e l'azione odierna serve ad attirare l'attenzione sulle conseguenze della loro inazione, ha spiegato Kohlmann, citata nel comunicato. «Ricorriamo quindi consapevolmente a forme di disobbedienza civile pacifica per agire contro questo sistema finanziario che distrugge il clima. Per evitare il peggio, chiediamo che le istituzioni finanziarie svizzere si ritirino immediatamente da tutti gli investimenti nelle energie fossili», aggiunge Guillaume Durin, portavoce del movimento.

La settimana d'azione "Rise Up for Change" a favore del clima è iniziata venerdì a Zurigo, con l'allestimento di un «campo climatico» nella zona dell'ex stadio dell'Hardturm. L'obiettivo, hanno spiegano gli organizzatori, è di «mettere le istituzioni finanziarie svizzere su una traiettoria sociale e climatica».

Nel corso della settimana sono previsti incontri, workshop, concerti, momenti di svago e di discussione incentrati sulla responsabilità climatica della piazza finanziaria. La prima parte della settimana d'azione si svolge a Zurigo, la seconda a Berna e avrà nel mirino in particolare la Banca Nazionale Svizzera (BNS), il governo, i cantoni, nonché l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Il prossimo 6 agosto è prevista una manifestazione di chiusura nella Città federale.

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 mese fa su tio
Medaglia d`oro alla POLIZIA, non son altro che attivisti pagati dai WWW Verdi e sinistroidi. Giovani e persone mantenuti dalla società.
seo56 1 mese fa su tio
Bene!! Plauso alle forze dell’ordine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 04:00:20 | 91.208.130.85