tipress
BERNA
22.07.2021 - 15:230

I ciclisti causano 200 collisioni gravi ogni anno

L'inosservanza del diritto di precedenza è la causa principale di incidenti.

Ogni anno in media si registrano quattro morti e oltre 60 feriti gravi.

BERNA - Non di rado i ciclisti si mettono in pericolo da soli: ogni anno in Svizzera si registrano circa 200 collisioni gravi causate da utenti in bicicletta che il più delle volte riportano pesanti ferite o perdono addirittura la vita. Si tratta di circa il 10% di tutti gli scontri gravi che si verificano sulle strade svizzere. Lo rivela uno studio dell'Ufficio prevenzione infortuni (upi).

L'analisi dell'upi evidenzia che molto spesso questi incidenti sono dovuti all'inosservanza del diritto di precedenza e che causano quattro morti e oltre 60 feriti gravi in media annua, si legge in una nota odierna.

Un dato che potrebbe sorprendere molti è invece che i comportamenti più scorretti e palesi - come passare con il rosso, ignorare un senso unico, circolare sul marciapiede o senza luci di notte - causano relativamente pochi incidenti pur suscitando critiche e incomprensione. Ogni anno la polizia verbalizza in media una ventina di collisioni gravi dovute a queste infrazioni, tra cui una mortale.

Le infrazioni del codice della strada commesse dai ciclisti hanno quindi effetti tutt'altro che banali, e per questo secondo l'upi serve una sensibilizzazione specifica focalizzata tra l'altro sul rispetto delle regole, ad esempio attraverso controlli di polizia mirati e regolari nei punti in cui si verificano spesso situazioni critiche.

Ma per l'upi è pure fondamentale il potenziamento dell'infrastruttura: una rete di vie ciclabili sicura, ben connessa e attrattiva, con pochi tempi d'attesa e deviazioni, potrebbe indurre i ciclisti a utilizzarla maggiormente e ad attenersi alle regole, il che renderebbe i loro spostamenti più sicuri.

Infine, per proteggere meglio la mobilità ciclistica occorre puntare anche sui progressi tecnologici dell'industria automobilistica. La gravità degli incidenti tra automobili e biciclette può essere ridotta grazie a sistemi come l'assistente alla frenata d'emergenza, l'avviso di rischio di collisione e l'assistente alla svolta, ricorda l'upi, secondo cui è importante promuovere la diffusione di questi sistemi e adeguare costantemente alle nuove evoluzioni l'istruzione alla guida.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 4 gior fa su tio
Patente per il motorino e patente per la bicicletta visto che molti non sanno le regole più casco obbligatorio. Bisognerebbe insegnarle già a scuola, ma con la pratica, non sui libretti.
Lore61 4 gior fa su tio
@lollo68 Un altro che vuol far ridere i polli! E in seguito la patente per passeggiare, per andare in bagno... con il casco...😂😂🤣
volabas56 4 gior fa su tio
Non c'è di che meravigliarsi. Quando sono in gruppo poi sembrano i padroni assoluti della strada.
Lore61 5 gior fa su tio
... Sempre più rimbambita e cerebrolesi... l'assistente alla frenata d'emergenza, l'avviso di rischio di collisione e l'assistente alla svolta... Che pena di civiltà!
seo56 5 gior fa su tio
Ecco i veri pirati della strada 😡😡😡😡😡.
Princi 5 gior fa su tio
@seo56 concordo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 06:35:44 | 91.208.130.85