Keystone
In Africa alcune nazioni non hanno nemmeno ancora ricevuto i vaccini.
SVIZZERA
07.06.2021 - 14:180

Una campagna per donare i vaccini ai Paesi più poveri

La Croce Rossa Svizzera lancia l'allarme: «Il tasso di vaccinazione è 27 volte inferiore rispetto alle nazioni ricche».

Secondo l'organizzazione «la pandemia di coronavirus non può essere superata dalle singole nazioni, ma va affrontata a livello globale».

BERNA - Nei 50 Paesi più ricchi del mondo, il tasso di vaccinazione anti-Covid è 27 volte superiore a quello registrato nei 50 Paesi più poveri. La Croce Rossa Svizzera (CRS) chiede solidarietà e lancia una campagna di donazioni affinché anche questi ultimi possano proteggere le loro popolazioni.

"L'equità nella ripartizione dei vaccini non è solo una questione di solidarietà, ma anche una scelta dettata dalla ragione", si legge in una nota odierna della CRS. Anche se la situazione in Svizzera si è un po' normalizzata grazie all'aumento della protezione vaccinale e al calo dei casi, il pericolo è lungi dall'essere scongiurato a causa delle nuove mutazioni, aggiunge la CRS.

Finché la pandemia non sarà sotto controllo a livello mondiale, le conseguenze sanitarie, economiche e sociali per la Svizzera non possono essere previste, prosegue la CRS, secondo cui i 50 Paesi più poveri hanno ricevuto finora solo il 2% dei vaccini disponibili a livello mondiale.

In Nepal, uno degli Stati in cui opera la CRS, solo l'1% della popolazione è stata vaccinata e il sistema sanitario è completamente sovraccarico. In Africa, alcuni Paesi non hanno ancora ricevuto nessun vaccino. Senza un grande sostegno internazionale, bisognerà probabilmente aspettare la fine del 2023 prima che una parte significativa delle persone che vivono nell'Africa sub-sahariana sia vaccinata.

Per queste ragioni la CRS lancia un appello alla solidarietà e ha avviato una campagna di raccolta fondi, con lo scopo di sostenere i programmi di vaccinazione e i sistemi sanitari nei Paesi in cui opera.

La pandemia di coronavirus non può essere superata dalle singole nazioni, ma va affrontata a livello globale, conclude la CRS, aggiungendo che per farlo è necessario anche che i brevetti vengano temporaneamente sospesi mantenendo un livello d'investimenti adeguato nella ricerca.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Politicamente corretto, eticamente corrotto
seo56 1 mese fa su tio
Cara CRS pensaci tu!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-06 01:48:01 | 91.208.130.87