Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl contenimento è "ipertossico" per la salute mentale

14.02.21 - 15:00
In Svizzera quasi una persona su cinque soffre di depressione grave a causa della pandemia.
deposit
Il contenimento è "ipertossico" per la salute mentale
In Svizzera quasi una persona su cinque soffre di depressione grave a causa della pandemia.
La percentuale di persone che hanno segnalato picchi di stress è stata dell'11% durante il contenimento ad aprile, ed è salita al 20% durante la seconda ondata di novembre

ZURIGO - La nostra ossessione per il Covid mette in ombra un'altra realtà preoccupante: «Il contenimento è ipertossico per le popolazioni», avverte l'epidemiologo parigino Martin Blachier. «Stiamo parlando di un problema di salute globale, non si può pretendere che sia solo il Covid a incidere sulla salute delle persone. La depressione, ad esempio, sta colpendo tra il 20 e il 25% della popolazione, nella media internazionale», sottolinea a Le Matin Dimanche.

Il dottor Blachier è uno specialista nei modelli matematici che cercano di anticipare le evoluzioni della pandemia. «Abbiamo cercato di calcolare quale sarebbe stato l'impatto in caso di un terzo lockdown per capire vantaggi e costi, specie in termini di salute mentale».

Salute mentale a rischio - Il risultato è allarmante. «I nostri modelli hanno dimostrato che l'impatto di un terzo blocco sulla salute mentale sarà di molto superiore a quello del Covid». Soprattutto in un momento in cui la Francia (attualmente sotto regime di coprifuoco) esita a rafforzare le sue misure contro la pandemia.

18% di depressione grave in Svizzera - Nella Svizzera confinata, nessuno ha realizzato un simile modello. Ma numerosi studi sulla salute mentale confermano il forte aumento di questo tipo di patologie.

All'Università di Basilea, il professor Dominique de Quervain, membro della task force anti covid, ha pubblicato poco prima di Natale un lungo studio chiamato "Swiss Corona Stress Study". Basato su poco più di 11.000 casi, rivela che «la percentuale di persone con sintomi depressivi gravi era del 3% prima del blocco. Si attestava al 9% ad aprile, dopo la prima ondata, per raggiungere il 18% a novembre». Gli altri indicatori misurati vertono nella stessa direzione. «La percentuale di persone che hanno segnalato picchi di stress è stata dell'11% durante il contenimento ad aprile, ed è salita al 20% durante la seconda ondata di novembre».

I giovani sono maggiormente a rischio - Il fenomeno è più marcato tra i giovani. Secondo lo studio "Swiss Corona", il 29% dei 14-24enni e il 21% dei 25-34enni, riferiscono di gravi sintomi depressivi. Al contrario, tra gli over 65, quelli più a rischio di morire per le conseguenze del virus, solo il 6% mostra sintomi di depressione. Il sondaggio ci dice anche che il "Coronagraben" esiste, dal momento che il 22% dei francofoni riferisce di sintomi depressivi gravi, contro il 16,9% degli svizzero-tedeschi e il 16,1% dei ticinesi.

Una crisi che durerà a lungo - Il rapporto annuale di Addiction Suisse, pubblicato questa settimana, conferma che nel paese sta germogliando una grave crisi. Lo studio sostiene che «la pandemia influenzerà la salute mentale per molto tempo a venire». Precisa inoltre che «la pandemia ha rivelato nuovi gruppi a rischio. I servizi di emergenza, i trasporti pubblici e il personale di vendita corrono un rischio maggiore di cedere all'abuso di alcol, droghe o farmaci. Come coloro che hanno subito un trauma, che sono stati malati o che hanno perso una persona cara».

Gioco d'azzardo online e crisi sanitaria - L'isolamento ha esposto a rischi aggiuntivi anche le persone che avevano già difficoltà a controllarsi nel gioco d'azzardo o in genere nelle proprie attività online. «In una sfortunata combinazione di circostanze, l'apertura del mercato del gioco online è praticamente coincisa con l'inizio della crisi sanitaria», ha affermato Markus Meury di Addiction Switzerland.

Per completare questo quadro dei nuovi "dannati", vari studi rivelano un corteo di sfortunati che va dagli "studenti zombie", ai depressi del telelavoro, ai baristi e anziani confusi da questa esistenza solitaria.

I professionisti della salute mentale hanno cercato di mettere in guardia le autorità. «Abbiamo l'impressione che tutti gli indicatori di gravi problemi di salute mentale siano in aumento. Rischiamo di non essere in grado di curare tutti coloro che avranno bisogno di aiuto» ammette Stephan Wenger, co-presidente della Federazione svizzera degli psicologi.

Con i suoi colleghi Wenger ha scritto al Consiglio federale per ricordare che «il mancato trattamento tempestivo della malattia mentale avrà conseguenze disastrose».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA