Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Berna
2 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
BERNA 
3 ore
L'esercito inasprisce le regole per uscite e congedo
La libera uscita verrà limitata all'area della piazza d'armi e all'accantonamento della truppa.
SVIZZERA
3 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
5 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
NEUCHÂTEL
6 ore
Visite limitate in ospedale
Ogni paziente potrà accogliere solo una persona al giorno, con appuntamento e convalida dell'autorizzazione per SMS
SVIZZERA
6 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
7 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino gratuito anche per un altro virus
L'UFSP annuncia oggi che dal primo gennaio l'Assicurazione malattia pagherà il vaccino contro questo virus.
LUCERNA
7 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
9 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
10 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
LUCERNA
10 ore
Lucerna rifiuta il diritto di voto ai sedicenni
L'iniziativa dei Verdi è stata respinta dal Parlamento con 61 voti contro 58. Glarona rimane un'eccezione.
ZURIGO
11 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
SVIZZERA
07.01.2021 - 09:320
Aggiornamento : 14:04

Ecco i premi 2021 per l'innovazione energetica

Il riconoscimento Watt d'Or viene consegnato oggi a cinque realtà

BERNA - Viene consegnato oggi per la quattordicesima volta il Watt d'Or, premio elargito dalla Confederazione a chi si è distinto nel settore dell'energia. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato a cinque realtà particolarmente innovative, suddivise in quattro categorie.

Il premio, sigillo di qualità per l'eccellenza in ambito energetico, è nato nel 2007, ricorda in una nota l'Ufficio federale dell'energia (UFE), che lo attribuisce. L'obiettivo è far conoscere prestazioni fuori dal comune e motivare in questo modo l'economia, la politica e il vasto pubblico a scoprire i vantaggi delle tecnologie d'avanguardia.

Il trofeo, che riproduce una palla di neve, sarà consegnato ai vincitori da una giuria presieduta per l'ultima volta dall'ex consigliera agli Stati Pascale Bruderer. A causa della pandemia, la premiazione si terrà in una cerchia molto ristretta, ma potrà essere seguita in livestreaming a partire dalle 16.30. Il premio, per il quale inizialmente erano in lizza 64 progetti, poi scesi a 24, non prevede una ricompensa in denaro.

Reti di distribuzione - Nella categoria tecnologie energetiche, la vittoria è andata alla startup Adaptricity AG. La Svizzera raggiungerà un impatto climatico pari a zero solo attraverso un'intensa elettrificazione, decentralizzazione e digitalizzazione del sistema di approvvigionamento, spiega nelle sue motivazioni l'UFE.

In questo contesto sono molto importanti le reti di distribuzione: la soluzione classica consiste nell'ampliarle costantemente, ma Adaptricity offre una soluzione molto più economica e sicura. Con i suoi software infatti fornisce «risposte intelligenti per la pianificazione e il monitoraggio trasparente delle reti», preparandole così ad affrontare il futuro con un impatto climatico nullo.

Bacino alpino - Nella categoria energie rinnovabili è stata premiata Romande Energie, insieme ad ABB Svizzera. L'azienda di approvvigionamento sfrutta le condizioni favorevoli nelle Alpi - come atmosfera sottile e radiazione solare più intensa - per potenziare ulteriormente la sua produzione di energia elettrica rinnovabile e contribuire al raggiungimento degli obiettivi della Strategia energetica.

Sul bacino di accumulazione del lago des Toules, in Vallese, a 1'800 metri sul livello del mare, ha quindi creato un luogo di forza, illustra l'UFE. Oltre a quella idroelettrica, lo specchio d'acqua fornisce anche energia solare prodotta in una centrale alpina galleggiante. Insieme ad ABB, Romande Energie ha risolto con successo molti problemi tecnici per l'impianto unico al mondo a questa altitudine.

Idrogeno rinnovabile - Nella mobilità efficiente, il Watt d'or è andato a Hydrospider AG, insieme a Hyundai Hydrogen Mobility AG, H2 Energy AG e all'associazione di sostegno Förderverein H2 Mobilität Schweiz. Esse stanno creando il primo ciclo commerciale al mondo per l'idrogeno rinnovabile, destinato al traffico pesante.

L'offerta e la domanda di idrogeno rinnovabile vengono portate avanti parallelamente da una rete di imprese fortemente impegnate, che non beneficiano di incentivi statali. Il modello commerciale comprende camion a idrogeno e stazioni di rifornimento. In Svizzera circolano attualmente circa 50 di questi mezzi pesanti, ma in futuro saranno oltre 1'000.

Casa passiva e autonomia interconnessa - Infine, nella categoria edifici e territorio, il Watt d'Or è stato assegnato due volte. Nel primo caso, l'onore è toccato alla società immobiliare Mettiss AG e all'ingegnere Beat Kegel, che hanno ristrutturato a San Gallo un edificio per uffici degli anni Sessanta, trasformandolo da "divoratore di energia" in "casa passiva". Il risanamento è stato completato in modo rapido ed economico. Lo stabile conta su un sistema di ventilazione e di riscaldamento low-tech con elementi portautenze prefabbricati e ventilatori di collegamento nelle porte. Il nuovo locatario è l'università cittadina.

L'altro premio se lo sono portati a casa "Umwelt Arena Schweiz" e l'architetto René Schmid per un complesso edilizio a Männedorf (ZH), che punta a un'autonomia energetica interconnessa. L'intero fabbisogno annuale viene prodotto in loco grazie a impianti fotovoltaici installati su facciate e tetti, nonché a impianti eolici. I residenti consumano la metà dell'energia elettrica autoprodotta, mentre l'altra metà viene convogliata attraverso la rete elettrica verso un impianto power-to-gas, trasformata in gas rinnovabile e stoccata, per poi essere utilizzata nel periodo invernale.

www.wattdor.ch

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 22:42:17 | 91.208.130.89