keystone
BERNA
25.12.2020 - 23:010

Altri cantoni vagliano i test di massa

Il successo del progetto pilota grigionese è sotto gli occhi di tutti. I contagi sono stati ridotti del 73%.

Il modello applicato potrebbe presto essere utilizzato anche in altri cantoni.

Fonte 20Minuten/Bettina Zanni
elaborata da Davide Milo
Giornalista

BERNA - Il canton Grigioni è stato in grado di ridurre il numero di casi di coronavirus del 73% in un breve periodo, grazie ai test di massa. Mentre l'incidenza sui sette giorni, nella settimana dal 6 al 13 dicembre, è stata di 202 persone positive, una settimana dopo venivano registrate 55 nuove infezioni. Durante i test, le autorità sono state in grado di individuare 192 persone asintomatiche. La netta riduzione, va detto, si spiega anche con la chiusura dei bar e ristoranti.

Il cantone ha ricevuto numerosi elogi per questo successo, specie sui social media. Tanto che molti hanno iniziato a chiedere a gran voce l'applicazione di questi test a tappeto su tutto il territorio nazionale.

Martin Bühler, capo dello stato maggiore cantonale afferma che «sarebbe bello se ci fosse la possibilità di effettuare test di massa in tutta la Svizzera». «Più test vengono effettuati, più si può condizionare il numero di nuove infezioni», sottolinea.

Identificare e isolare - A inizio gennaio il Cantone intende mettere in funzione nove centri di test regionali. L’obiettivo è di testare il numero maggiore possibile di persone in modo da identificare e isolare presto i contagiati. Bühler: «Al momento stiamo ancora verificando se ciò sia logisticamente fattibile ed epidemiologicamente utile per poter testare ripetutamente quante più persone possibile».

Dal canto loro gli esperti supportano i test di massa: «È ora che gli altri cantoni seguano l'esempio», sostiene Franziska Schöni-Affolter, epidemiologa e consigliera dei Verdi liberali nel canton Berna. «I test a tappeto sono un piccolo ma importante pezzo del puzzle nella lotta alla pandemia». In questo modo il coronavirus verrebbe trovato, infatti, anche negli asintomatici.

Utili, ma irrealistici - Per l'epidemiologa, tuttavia, test che coprano l'intero cantone non sono realistici. «Il canton Berna ha una popolazione di circa un milione di persone. Non sarebbe possibile testare così tante persone in un breve periodo di tempo». Inoltre, i test sono solo un'istantanea.

Seguire l'esempio - Altri cantoni, però, potrebbero presto seguire l'esempio grigionese. Ad esempio, nel Canton Basilea Campagna la fattibilità è attualmente al vaglio e dovesse trovare riscontro positivo, è possibile che si partirà testando le persone che lavorano a contatto con gruppi a rischio, ad esempio gli anziani.

Anche il Canton Uri sembra essere interessato. Ma l'approccio dei Grigioni non convince altri cantoni. Ciò è giustificato dal fatto che il test è solo un'istantanea di quel momento.

Al contrario, l'UFSP, che ha seguito da vicino il progetto pilota, si dice molto interessato ai risultati grigionesi che permettono, per giunta, un'analisi dettagliata dell'evoluzione del virus nel cantone.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-14 00:59:19 | 91.208.130.89