keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Berna
1 ora
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
ZURIGO
3 ore
Colpito dal tram, muore in ospedale
Un 45enne tedesco ha perso la vita in seguito a uno scontro con un tram zurighese
FRIBURGO
5 ore
Un colpo di sonno, e giù nel ruscello
Un giovane conducente si è addormentato al volante sull'A12, finendo in un corso d'acqua
BERNA
5 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
5 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
6 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
8 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SVITTO
9 ore
I costi delle PC AVS/AI a carico del cantone
Finora la metà della spesa era assunta dai comuni.
BERNA 
10 ore
Iniziativa 99%: «Peccato, era moderata»
Regula Rytz e Tamara Funiciello esprimono la propria delusione per l'esito della votazione.
BERNA 
10 ore
«Giorno nero per i bambini»
C'è delusione tra gli oppositori, anche se le speranze erano già svanite da tempo.
BERNA
10 ore
Matrimonio per tutti: gioia fra i favorevoli
A Berna ci si sta già preparando a festeggiare per quello che sembra un esito ormai scontato.
SAN GALLO
10 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
10 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
11 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
13 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
ZURIGO
14 ore
Va a fuoco un'azienda di rifiuti
Le fiamme sono divampate questa notte a Glattburg (ZH). I pompieri al lavoro fino all'alba
LUCERNA
14 ore
Ucciso a coltellate nella stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
1 gior
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
1 gior
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
1 gior
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
Svitto
1 gior
Un contadino muore sotto il suo mezzo agricolo
Il veicolo si è capovolto mentre raccoglieva l'erba tagliata
TURGOVIA
1 gior
I cavolfiori finiscono sui binari
Un curioso incidente ha interrotto la linea ferroviaria tra Wil e Weinfelden, oggi pomeriggio
ZURIGO
17.12.2020 - 23:590
Aggiornamento : 18.12.2020 - 08:37

Ecco perché i giovani non sono inclusi nel piano di vaccinazione

Anziani e malati dovrebbero prima essere i primi a ricevere il vaccino.

Ecco le risposte alle domande più frequenti sulle procedure che verranno messe in pratica per proteggere la popolazione dal Coronavirus

Fonte Fee Anabelle Riebeling/20Minuten
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFP) hanno definito la loro strategia per la vaccinazione contro il Coronavirus. I pazienti a rischio - persone anziane e con malattie pregresse - saranno probabilmente i primi ad essere vaccinati, a partire da gennaio. Bambini e giovani, invece, non sono stati ancora menzionati.

Qui di seguito alcune risposte alle domande più frequenti:

Perché i bambini e gli adolescenti sono esclusi dal piano di vaccinazione?
I bambini non saranno vaccinati inizialmente. Ci sono troppe incognite per loro, come ha spiegato Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'UFSP. Stando a Rolf Hömke dell'Association of Researcher Drug Manufacturers: «I vaccini sono stati testati solo sugli adulti». Pertanto, «solo quando i risultati sugli adulti saranno assolutamente positivi, si inizieranno i test sui i minori».

Quante dosi di vaccino si è assicurata la Svizzera fino ad oggi?
Nell'estate del 2020, la Svizzera ha firmato un contratto con il produttore di vaccini Moderna per 4,5 milioni di dosi. Grazie agli sforzi internazionali dell'UE (attraverso la Svezia), ha accesso anche al vaccino Astra Zeneca. Qui il numero di dosi ammonta fino a 5,3 milioni. La Confederazione partecipa anche all'iniziativa internazionale Covax per la fornitura di vaccini che coprono fino al 20% della popolazione svizzera. Secondo la portavoce UFSP, Masha Maria Foursova, i negoziati con Biontech/Pfizer per circa 3 milioni di dosi di vaccino sono in una fase avanzata.

Come funzionano i potenziali vaccini?
Come tutti gli altri vaccini, quindi sul principio di base che parti del nuovo coronavirus - i cosiddetti antigeni - vengano presentate al sistema immunitario umano in modo che il corpo possa sviluppare l'immunità al patogeno. Ci sono tre diversi approcci a questo: vaccini inattivati con proteine virali, vaccini vivi con virus vettori e vaccini a mRNA.

Quanto tempo occorre perché siano efficaci?
Come i vaccini di Moderna e AstraZeneca, anche il preparato Pfizer/Biontech deve essere somministrato in due dosi (30 milligrammi ciascuna). La piattaforma informativa Infovac.ch segnala che l'intervallo tra le dosi deve essere di almeno 40 giorni. Una settimana dopo la seconda vaccinazione, dovrebbe arrivare l'effetto protettivo, stando a Biontech. Non è ancora noto se e quanto bene il vaccino protegga in anticipo. Sarà quindi importante che le persone particolarmente vulnerabili si proteggano con attenzione dopo la prima somministrazione.

Quanto dura la protezione del vaccino?
Anche questo, al momento, non si può dire con certezza. Nel complesso, sia l'effetto protettivo che gli eventuali effetti collaterali dovrebbero essere osservabili per un periodo di due anni, hanno spiegato i produttori. Tuttavia, «ci vorranno mesi, se non un anno o più, prima di poter davvero dare un giudizio definitivo», ha spiegato il virologo Oliver Keppler dell'Università Ludwig Maximilians di Monaco. Ad esempio, per il capo di Biontech, Uğur Şahin, l'effetto di immunizzazione potrebbe essere di un anno, come scrive FR.de.

Quali effetti collaterali possono esserci?
Anche qui non ci sono risposte sicure. Per averle, bisogna attendere i risultati degli studi di fase III. Ad oggi, i produttori dei tre vaccini più promettenti non hanno menzionato alcun effetto negativo grave. Sono, anzi, descritti come ben tollerati. Finora si sono verificati solo effetti collaterali da lievi a moderati, e che si verificano anche con vaccinazioni note: arrossamento e dolore nel punto in cui si effettua l'iniezione, dolori articolari o muscolari e febbre. Sono elencati anche brividi, stanchezza e spossatezza. Gli effetti, tuttavia, sarebbero tutti di breve durata.

Per un gruppo di popolazione, tuttavia, l' agenzia di regolamentazione dei farmaci del Regno Unito MHRA ha emesso avvertimenti sul vaccino Pfizer/Biontech: «Le persone con una storia di shock anafilattico da vaccinazioni, farmaci o cibo, non dovrebbero ricevere il vaccino. La seconda dose non deve essere somministrata a chi ha sviluppato anafilassi dopo aver ricevuto la prima dose», ha affermato June Raine, amministratore delegato di MHRA. Tale shock allergico, che di solito è accompagnato da un calo della pressione sanguigna, collasso, perdita di coscienza e shock, è la reazione più grave e può essere fatale in determinate circostanze.

La Svizzera prevede una vaccinazione obbligatoria?
No. Il Consiglio federale respinge chiaramente l'idea di una vaccinazione obbligatoria per la Svizzera. Anche l'UFSP non prevede vaccinazioni obbligatorie in relazione al Sars-CoV-2 per l'intera popolazione, stando alla portavoce Masha Maria Foursova. L'intento è invece quello di «informare la popolazione in modo completo e trasparente sulla vaccinazione Covid 19». In questo modo, gli svizzeri potranno prendere autonomamente una decisione.

Dal punto di vista di Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (EKIF), una vaccinazione obbligatoria semplicemente non ha senso: «L'obiettivo principale è vaccinare i pazienti ad alto rischio, i loro contatti e il personale sanitario» al fine di prevenire malattie gravi, salvare vite umane e mantenere sano il sistema sanitario.

Inoltre, secondo l'avvocato Franziska Sprecher dell'Università di Berna, una vaccinazione obbligatoria non sarebbe legalmente applicabile in Svizzera, almeno non per la popolazione generale, ma solo selettivamente «per gruppi specifici come persone che hanno a che fare con gruppi vulnerabili, in particolare gli operatori sanitari».

L'immunità di gregge può essere ottenuta con la vaccinazione volontaria?
L'Ekif: «Per ottenere l'immunità di gregge, teoricamente, dovrebbe essere vaccinato almeno il 60-70 per cento della popolazione», sostiene Berger. «Questo è vero solo per un vaccino ideale, cioè che offre una copertura per molto tempo». In caso contrario, la copertura vaccinale dovrebbe essere più alta, possibilmente attorno a circa l'80% della popolazione.

Quali svantaggi incontreranno le persone non vaccinate?
Una cosa è certa: se l'immunità di gregge non sarà raggiunta, ci si potrà ancora ammalare. Nel settore ospedaliero o assistenziale, il rifiuto di ricevere la vaccinazione, però, potrebbe avere conseguenze gravi. L'unica soluzione, in questi casi, potrebbe essere trasferire chi rifiuta il vaccino in modo che non metta in pericolo sé stesso o gli altri.

Chi sostiene i costi della vaccinazione?
La vaccinazione contro il Covid-19 sarà gratuita per la popolazione, così ha annunciato l'UFSP.

I vaccini sono stati sviluppati a velocità record: sono sicuri?
A prima vista può sembrare che lo sviluppo sia stato estremamente veloce. Ma scienziati di tutto il mondo hanno condotto ricerche sul coronavirus già dall'epidemia di Sars nel 2003/04 e dall'epidemia di Mers nel 2012, come spiega Christine Dahlke, biologa del Centro medico universitario di Amburgo-Eppendorf ed esperta di vaccini nel programma ZDF "Markus Lanz". «Conosciamo i coronavirus e le loro proteine spike da molto tempo». L'epidemia di Ebola del 2014/15 ha dimostrato che era importante sviluppare tecnologie per poter reagire rapidamente a ulteriori focolai. Di conseguenza, la ricerca sui vaccini è stata portata avanti negli ultimi anni, anche se lontana dalle luci della ribalta. Quando la sequenza del virus Sars-CoV-2 è stata pubblicata, sono iniziati subito i lavori.

Perché la Svizzera partirà più tardi della Gran Bretagna e dell'UE con le vaccinazioni?
«I dati che abbiamo sulla sicurezza del vaccino non sono ancora abbastanza conclusivi per consentire l'approvazione in Svizzera di un medicamento contro il Covid-19», ha sottolineato il portavoce di Swissmedic, Lucas Jaggi, a 20 Minuten. Inoltre, «secondo l'attuale legge Covid-19 in Svizzera, a differenza di Gran Bretagna o Stati Uniti, non vi è alcuna immissione anticipata sul mercato dei vaccini durante l'elaborazione di una richiesta di approvazione».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 23:05:47 | 91.208.130.89