keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
9 min
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
1 ora
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
10 ore
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
11 ore
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
13 ore
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
14 ore
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
14 ore
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
16 ore
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
BERNA
16 ore
Cade da una parete rocciosa del Loucherhorn e muore
La polizia ritiene che si tratti di un uomo dato per disperso qualche giorno prima. L'identificazione è in corso.
TURGOVIA
17 ore
Erwin Kessler è morto
L'animalista turgoviese è deceduto giovedì sera nella sua casa di Tuttwil.
SVIZZERA
17 ore
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
17 ore
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
18 ore
Covid Pass per accedere a Palazzo federale
Si tratta di una «misura proporzionata», secondo il Consiglio federale
SVIZZERA
18 ore
Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare
Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.
SVIZZERA
19 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
19 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
21 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
21 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
SVIZZERA
21 ore
Attacchi da snowboard a rischio di caduta
L'Ufficio prevenzione infortuni richiama un prodotto della K2
SVIZZERA
22 ore
Ecco le novità sull'IVA
Il Consiglio federale ha approvato oggi il messaggio per la modifica della relativa legge
SVIZZERA
22 ore
Preventivo 2022 della Confederazione, nuove spese per 1,6 miliardi
Si tratta di un importo necessario per fare fronte alla pandemia e sostenere la ripresa economica
SVIZZERA
23 ore
È tutto pronto per l'accordo commerciale con l'Indonesia
Lo scorso 7 marzo era stato accettato dal 51,7% dei cittadini. Entrerà in vigore il prossimo 1. novembre
ZURIGO
23 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
23 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
23 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
1 gior
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
1 gior
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
BERNA
29.10.2020 - 22:300
Aggiornamento : 30.10.2020 - 00:01

Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere

Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.

Gli esperti della task force da Berna rispondono alle domande.

BERNA - Il Consiglio federale ha dovuto adeguare il valore soglia che definisce gli Stati e le regioni per i quali vige l’obbligo di quarantena, e così anche la deroga a questo obbligo per chi viaggia per motivi professionali. Ciò perché in Svizzera l’incidenza della pandemia è ormai superiore alla media rispetto agli altri Paesi europei.

Con le nuove regole, da domani la quarantena sarà imposta solo al rientro da Belgio, Repubblica Ceca, Andorra e Armenia. A questi Stati vanno aggiunte tre Regioni francesi: Hauts-de-France, ÎIe de France/Parigi e i territori d'oltremare della Polinesia francese. Escono quindi dall'elenco delle zone a rischio le quattro Regioni italiane Campania, Liguria, Sardegna e Veneto.

Ma cosa c'è da sapere al riguardo? Gli esperti della task force da Berna rispondono alle domande.

Perché in estate è stata imposta la quarantena a chi viaggia?
«Nell’estate 2020 il numero di casi di nuovo coronavirus in Svizzera è aumentato localmente a più riprese per l’ingresso di persone infette dall’estero. In uno Stato con bassa incidenza è importante impedire che vi siano reintrodotti nuovi casi di infezione. Per questo motivo, dal 6 luglio 2020 vige l’obbligo di quarantena per chi entra in Svizzera in provenienza da Stati e regioni con rischio elevato di contagio».

A partire da quale incidenza si parla di rischio elevato?
«Quando è stata introdotta la quarantena per chi viaggia, il numero di casi in Svizzera era ancora relativamente basso. L’ordinanza COVID-19 provvedimenti nel settore del traffico internazionale viaggiatori precisa che esiste un rischio elevato di infezione (importata) a partire da un’incidenza superiore a 60. Ma poiché l’incidenza in Svizzera è nel frattempo aumentata, superando la media di altri Paesi europei, il valore soglia è stato innalzato. Con la modifica dell’ordinanza, sull’elenco figurano soltanto gli Stati e le regioni la cui incidenza supera quella della Svizzera di oltre 60».

Cosa si intende per incidenza e a cosa serve?
«Per effettuare una valutazione comparativa del rischio di contagio in diversi Stati, si considera la media dei nuovi casi di infezione per 100 000 persone negli ultimi 14 giorni. Questa è la cifra che si intende quando si parla di incidenza a 14 giorni o semplicemente di incidenza».

La modifica implica un allentamento dell’obbligo di quarantena per chi viaggia?
«La modifica non implica alcun allentamento del provvedimento, ma risponde allo scopo vero e proprio dell’obbligo di quarantena: ridurre il rischio di trasmissione. La quarantena per chi viaggia adempie quindi il suo scopo se il rischio di contagio all’estero è superiore a quello esistente in Svizzera. Ciò è garantito anche in futuro dal nuovo valore soglia dinamico, che cambia in funzione dell’incidenza in Svizzera».

Secondo quale fonte sono adeguate le incidenze?
«Poiché la situazione epidemiologica è in continua evoluzione, l’elenco degli Stati e delle regioni soggetti alla quarantena è regolarmente adeguato alle incidenze attuali, sulla base dei dati dell’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control)».

Cosa succede con l’elenco degli Stati e delle regioni con rischio elevato di contagio?
«Sulla base della nuova definizione del valore soglia è aggiornato anche l’elenco degli Stati e delle regioni con rischio elevato di contagio, abbreviato in elenco per la quarantena. Il nuovo elenco entra in vigore il 29 ottobre 2020. Per l’obbligo di quarantena fa stato l’elenco valido al momento dell’entrata in Svizzera».

Ci sono persone esenti dall’obbligo di quarantena?
«Molte persone sono esentate dall’obbligo di quarantena. Queste deroghe sono disciplinate all’articolo 4 dell’ordinanza COVID-19 provvedimenti nel settore del traffico internazionale viaggiatori».

Quali sono le nuove disposizioni derogatorie per i viaggiatori per affari?
«Dal 29 ottobre 2020 sono adeguate anche le disposizioni derogatorie per le persone che viaggiano per affari o per motivi medici. Finora questi viaggi dovevano durare al massimo 5 giorni, mentre ora non esiste alcuna limitazione temporale. Di norma sono esenti dall’obbligo di quarantena i viaggiatori per affari che viaggiano per un motivo importante improrogabile e le persone che viaggiano per un motivo medico importante improrogabile».

Perché la Confederazione non fornisce raccomandazioni di viaggio per singoli Stati?
«Data la portata mondiale dell’emergenza coronavirus, la Confederazione rinuncia a fornire raccomandazioni di viaggio per singoli Stati. Questo perché in tutte le regioni del mondo esiste il rischio di contagio con il nuovo coronavirus e la situazione epidemiologica muta continuamente. Non si può dunque formulare raccomandazioni di viaggio specifiche per singoli Stati, valide per un periodo opportunamente pianificato. Le persone che, nonostante il rischio di infezione globale, decidono di viaggiare devono anche all’estero seguire le regole di igiene e di comportamento vigenti e rispettare un eventuale obbligo di quarantena».

Per le persone che entrano in Svizzera la quarantena è obbligatoria? Chi controlla il rispetto di queste misure?
«La quarantena è obbligatoria per i viaggiatori provenienti da Stati o regioni con rischio elevato di contagio che entrano in Svizzera. Non si tratta solo di una raccomandazione. All’inizio della quarantena, ogni persona tenuta a mettersi in quarantena deve notificare la sua entrata entro due giorni all’autorità cantonale competente e seguirne le istruzioni. Le autorità cantonali sono responsabili del rispetto delle misure di quarantena. Si sta attualmente valutando un sostegno da parte della Confederazione».

Perché bisogna contattare le autorità cantonali all’inizio della quarantena?
«Le autorità cantonali sono responsabili del rispetto dei provvedimenti di quarantena e sono competenti per fornire alle persone in quarantena il sostegno e le informazioni di cui hanno bisogno».

Sono previste sanzioni in caso di mancato rispetto della messa in quarantena?
«Chi si rifiuta di mettersi in quarantena commette una contravvenzione secondo l’articolo 83 della legge sulle epidemie punibile con una multa fino a 10'000 franchi, chi agisce per negligenza con una multa fino a 5000 franchi. Per il perseguimento penale sono competenti i Cantoni».

Devono mettersi in quarantena anche i bambini?
«Sì. Anche i bambini che arrivano in Svizzera da uno Stato o una regione con rischio elevato di contagio devono mettersi in quarantena. Idealmente dovrebbe occuparsi del bambino un solo genitore. I genitori che si occupano dei figli in quarantena sono anch’essi in quarantena».

Le persone in quarantena hanno diritto a un’indennità per la loro assenza dal lavoro?
«Non hanno diritto a un’indennità di perdita di guadagno. In alcuni casi, tuttavia, è possibile che il datore di lavoro che invia il proprio dipendente in una regione a rischio debba versargli il salario. Tendenzialmente, dal punto di vista giuridico, la quarantena è considerata alla stregua di un impedimento al lavoro e per un eventuale indennizzo l’impedimento non deve essere imputabile a colpa del dipendente. La decisione è presa caso per caso. Un lavoratore che si reca in un territorio a rischio potrà essere accusato di colpa se viene messo in quarantena. Motivi imperativi personali potrebbero eventualmente giustificare il viaggio (visita a un familiare morente). Se il lavoro può essere svolto da casa e il datore di lavoro mette a disposizione tutta l’infrastruttura necessaria per il telelavoro, non possono essere addotti impedimenti al lavoro come giustificazione. I lavoratori che si sono recati in territori che al momento della partenza non erano considerati a rischio non possono essere ritenuti responsabili a priori. Dato che si tratta di una pandemia che colpisce il mondo intero, compresa la Svizzera, le altre regioni del mondo non sono da considerare a priori maggiormente a rischio rispetto a diversi luoghi della Svizzera. Questi casi devono essere esaminati, nel caso concreto, dai tribunali. Pertanto, un lavoratore che si dovesse recare in un territorio notoriamente a rischio con cognizione di causa potrebbe essere ritenuto responsabile».

Durante la quarantena è consentito uscire di tanto in tanto per fare una passeggiata, prendere un po’ d’aria o fare delle commissioni?
«No. Scopo della quarantena è veramente di interrompere le catene di trasmissione. Qualsiasi contatto fisico con gli altri deve essere evitato. Tuttavia ciò non significa che sia vietato avere contatti sociali. Quelli per telefono o via Skype sono autorizzati».

Cosa devo fare se compaiono sintomi durante la quarantena?
«In caso di sintomi della malattia è importante informare immediatamente le autorità cantonali competenti. Queste ultime decideranno come procedere, per esempio in merito all’effettuazione di un test».

Cosa faccio se devo mettermi in quarantena e non so dove andare?
«Si deve presumere che tutte le persone che entrano in Svizzera per soggiornarvi dispongano di un alloggio. Un alloggio idoneo per una quarantena potrebbe essere, in linea di principio, anche un albergo o un appartamento di vacanze».

Qual è la differenza tra quarantena e isolamento?
«Isolamento significa che tutte le persone ammalate di nuovo coronavirus devono evitare qualsiasi contatto con gli altri. La quarantena riguarda le persone che sono state a stretto contatto con una persona ammalatasi con il nuovo coronavirus e che di conseguenze si presume che siano malate o infette. Dopo aver informato l’autorità cantonale competente, non devono più avere contatti con altri. Così evitano di contaminare altre persone a loro insaputa e le catene di trasmissione sono interrotte».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 11 mesi fa su tio
....adeguamento discutibile.... potrebbe favorire spostamenti non essenziali da e per la Svizzera....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 10:02:49 | 91.208.130.89