Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
27.10.2020 - 09:300

L'identikit dei beneficiari dell'assistenza

Il rischio di povertà dipende da struttura dell'economia, composizione della popolazione e altri aiuti disponibili

I dati resi noti oggi dall'Iniziativa delle città per la politica sociale prendono in considerazione Basilea, Berna, Bienne, Coira, Losanna, Lucerna, San Gallo, Sciaffusa, Schlieren (ZH), Uster, Wädenswil (ZH), Winterthur, Zugo e Zurigo

BERNA - Nel 2019 il numero di casi di assistenza sociale in quattordici città svizzere è leggermente diminuito, dell'1,2%, rispetto all'anno precedente. Ma è improbabile che questa tendenza al ribasso prosegua nel 2020, perché la situazione del mercato del lavoro sta peggiorando a causa della pandemia di Covid-19.

In nove delle quattordici città prese in considerazione, dove vive circa un quarto del totale dei beneficiari a livello nazionale, i tassi di assistenza sociale rispetto alla popolazione totale sono risultati in calo lo scorso anno, secondo i dati resi noti oggi dall'Iniziativa delle città per la politica sociale. In due città i numeri sono rimasti stabili e in tre sono aumentati.

La diminuzione è stata registrata soprattutto nelle città che finora erano "ad alto rischio sociale", come Basilea, Bienne (BE), Losanna e Winterthur (ZH). Al contrario, gli agglomerati a basso rischio come Uster (ZH) o Sciaffusa hanno constatato un aumento del ricorso all'assistenza.

Rapida uscita dall'assistenza - L'assistenza sociale ha lo scopo di fornire un sostegno temporaneo in situazioni di emergenza. Circa il 13% dei beneficiari ha ricevuto un sostegno una tantum. Un terzo è stato a carico dell'assistenza sociale per meno di sei mesi. Dopo quattordici mesi, la metà dei nuovi casi è stata chiusa. La durata media del periodo in cui si percepiscono aiuti è rimasta invariata a 13,8 mesi.

Ci sono comunque notevoli differenze a seconda delle categorie di beneficiari: le famiglie monoparentali hanno ricevuto aiuti per 20,5 mesi in media, le persone senza formazione professionale per 17,8 mesi. Anche gli immigrati fuggiti dal loro paese rimangono più a lungo beneficiari dell'assistenza, rispetto a quelli giunti in Svizzera per trovare un lavoro. Per le persone provenienti dall'Africa e dall'Asia, ad esempio, la durata media delle indennità è stata rispettivamente di 24,2 e 20,2 mesi.

Per un quinto periodo più lungo - Un quinto dei beneficiari dipende dagli aiuti per un periodo più lungo rispetto agli anni passati. Tra il 2018 e il 2019, la percentuale di persone che ricevono assistenza sociale da più di tre anni è passata dal 21,8% al 22,7%. Nel 2016, la cifra era ancora del 19,8%.

Questi casi hanno fatto lievitare la durata media del diritto alle indennità. Ci sono in particolare persone malate, senza formazione professionale, provenienti dall'Asia o dall'Africa e le coppie o i single con obblighi di assistenza all'infanzia. La maggior parte di loro apparteneva alla fascia d'età compresa tra i 46 e i 55 anni.

Differenze socio-economiche - Le città prese in considerazione sono Basilea, Berna, Bienne, Coira, Losanna, Lucerna, San Gallo, Sciaffusa, Schlieren (ZH), Uster, Wädenswil (ZH), Winterthur, Zugo e Zurigo, che hanno dinamiche diverse per quanto riguarda l'assistenza sociale. Il rischio di povertà dipende dalla struttura dell'economia, dalla composizione della popolazione e dalla disponibilità di altri sostegni a monte dell'assistenza sociale (ad esempio, sussidi abitativi, aiuto alle famiglie).

L'Iniziativa delle città per la politica sociale fa parte dell'Unione delle città svizzere, che rappresenta gli interessi socio-politici di circa 60 città di tutte le regioni. Da 20 anni monitora lo sviluppo dell'assistenza sociale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-29 20:46:10 | 91.208.130.85