Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTOGALLERY
ZURIGO
4 ore
Ora devi pagare di più per questi prodotti
Il prezzo di molti prodotti e servizi è aumentato o aumenterà nei prossimi mesi.
SVIZZERA
5 ore
«Dobbiamo portarli a non agire secondo le loro inclinazioni»
In Svizzera sta nascendo una nuova misura di aiuto per la prevenzione della pedofilia.
ZURIGO
5 ore
Attacco con un coltello, ragazzini feriti
Non è ancora chiara la dinamica. La polizia conferma l'alterco
SVIZZERA
10 ore
Oltre otto milioni ai profughi Rohingya
L'Onu ha lanciato oggi la raccolta fondi per le operazioni di aiuto agli esuli del Myanmar.
ARGOVIA
10 ore
Assicurato contro le epidemie: Helvetia deve pagare
La diatriba è nata dalla distinzione tra i termini "epidemia" e "pandemia". La ragione è stata data al ristoratore.
SVIZZERA
11 ore
Effetto pandemia: boom del riciclaggio di denaro
Il fenomeno è aumentato del 25% dal 2019. Oltre 1'000 i casi di sospetta truffa in relazione ai crediti Covid.
TURGOVIA
12 ore
Sedici anni di carcere, ma senza internamento
Il Tribunale ha in parte accolto il ricorso di un 64enne tedesco, condannato per l'assassinio di una sua connazionale.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Ecco il primo veicolo telecomandato in Svizzera
Il progetto coordinato da SwissMoves mira a potenziare il trasporto pubblico nelle zone periferiche
SVIZZERA
12 ore
Attenzione al caricabatterie: rischi di restare fulminato
Sotto accusa l'alimentatore di batterie USB Travel Charger a tre porte, modello APD1-222
SVIZZERA
13 ore
I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera
VAUD
13 ore
A piedi in A1, muore investita
Una 27enne è deceduta ieri sera all'uscita di Nyon. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
14 ore
Altri 1240 contagi in Svizzera
I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 10. Il bollettino giornaliero dell'UFSP
BERNA
09.10.2020 - 14:030
Aggiornamento : 18:58

«La situazione attuale è preoccupante. Siamo in una seconda ondata»

Parla per la prima volta pubblicamente la nuova direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica

Non ci sarà nessuna vaccinazione obbligatoria

BERNA - La nuova direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica (BAG), Anne Lévy, ha fatto il suo primo incontro pubblico a dieci giorni dalla sua elezione. Di fronte ai giornalisti ha presentato l'attuale scenario sanitario legato alla pandemia da coronavirus, e si è detta preoccupata per la situazione. "I numeri stanno aumentando rapidamente e in tutta la Svizzera", ha detto. Il Governo federale ha avviato quindi una nuova campagna per sensibilizzare la popolazione di fronte alla gravità.

"Ora è importante rispettare le misure", ha sottolineato Lévy spiegando che è compito di tutti fermare l'ascesa. Le regole precedenti come mantenere le distanze, lavarsi le mani e stare attenti ai sintomi restano dunque invariate.

Anne Lévy ha ulteriormente sottolineato di fronte ai giornalisti che la situazione particolare continua a sussistere, e che i cantoni devono essere in prima linea nella lotta alla pandemia. "Stiamo andando bene finora. Ma è compito di tutti contribuire a fermare l'avanzare della pandemia".

Il vaccino - Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo infettivo dell'UFSP, rispondendo ai giornalisti ha ammesso che con ogni probabilità ci troviamo di fronte a una seconda ondata. «Il tracciamento dei contatti non è un sistema perfetto. Stiamo certamente assistendo a un aumento costante. Ci sono sempre persone che sfuggono perché non si trovano o perché non sono in quarantena. Solo retrospettivamente si puo' dire se c'è una seconda ondata. Tuttavia dobbiamo ammettere che siamo effettivamente di fronte a una seconda ondata». Per quanto riguarda il vaccino Virginie Masserey ha dichiarato che sulla quantità delle persone che verranno vaccinate, molto dipenderà dal quantitativo di vaccini che avremo a disposizione. Si inizierà con gli operatori sanitari, e non è previsto alcun obbligo di vaccinazione.  "Ognuno dovrebbe decidere da solo se vuole essere vaccinato" ha sottolineato Masserey. Nei prossimi mesi verrà elaborato uno scenario di vaccinazione con i Cantoni. I cantoni sono responsabili della messa in atto di strutture per le vaccinazioni. Nei prossimi mesi verrà elaborato uno scenario nazionale riguardante i vaccini assieme alle autorità cantonali.

"Stiamo lavorando per ottenere un vaccino", ha dichiarato Nora Kronig, capo del dipartimento internazionale presso l'Ufficio federale della sanità pubblica. «Il nostro obiettivo è garantire che venga sviluppato rapidamente un vaccino a cui la Svizzera abbia accesso e che sia distribuito a livello globale. Attualmente sono in fase di sviluppo dieci vaccini per la Svizzera. Ad esempio, la Confederazione ha firmato un contratto con la società di biotecnologie Moderna. Secondo l'iniziativa internazionale Covax, azienda biotecnologica, i vaccini sono stati preordinati per il 20% della popolazione, ha fatto notare Kronig.

Misure drastiche - Di fronte alla domanda dei giornalisti se dobbiamo attenderci un altro Lockdown, Masserey  ha dichiarato che una decisione simile non dipende per forza dall'aumento del numero di nuovo casi. «Non esistono criteri fissi per prendere misure drastiche».

Test rapidi - Esistono abbastanza test per diagnosticare il Covid? Risponde Anne Lévy: «Il laboratorio di riferimento è quello di Ginevra che sta valutando i test rapidi. Non appena sapremo se i test sono utili, vedremo dove e come li utilizzarli». Lévy ha anche dichiarato che ci sono trattative con il settore industriale per quanto riguarda la produzione di test fatti in casa. E ha voluto rassicurare che esistono abbastanza tamponi. 

Nuova campagna arancione - a Confederazione lancia una nuova campagna di prevenzione per contrastare la propagazione dell'epidemia di Covid-19. Le raccomandazioni non cambiano, ma il colore arancione utilizzato deve mettere in guardia la popolazione sulla pericolosa tendenza al rialzo delle nuove contaminazioni. La nuova campagna, che incomincerà sotto forma di manifesti nello spazio pubblico e messaggi sui social network, ribadisce i consigli finora impartiti: distanza sociale di 1,5 metri, igiene delle mani, mascherina quando la distanza non può essere mantenuta e scaricamento della app Swiss Covid.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 03:39:54 | 91.208.130.89