Immobili
Veicoli

BERNACosa succederà ai grandi eventi?

20.08.20 - 16:48
Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato i Cantoni: «È importante la tracciabilità delle responsabilità»
keystone
Cosa succederà ai grandi eventi?
Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato i Cantoni: «È importante la tracciabilità delle responsabilità»
«Nel 40% dei tamponi positivi non riceviamo le informazioni cliniche dai medici. Bisogna migliorare»

BERNA - Quali gli sviluppi attuali sulla situazione covid in Svizzera? Il Consiglio federale, in una conferenza stampa odierna, fa chiarezza sia sulla lotta contro la pandemia che sul coordinamento tra Confederazione e Cantoni. Ma ci si attendono anche nuove informazioni sui grandi eventi che saranno nuovamente consentiti, secondo un preciso protocollo, da ottobre. All'appuntamento partecipano il consigliere federale Alain Berset e Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità.

Contatti stretti - Il primo a prendere la parola è Alain Berset: «Confederazione e Cantoni mantengono contatti molto stretti e continueranno a farlo anche in futuro», spiega. «Come sempre, l'obiettivo è contenere il numero di casi. Vogliamo lavorare a stretto contatto», ha sottolineato il consigliere federale. Quindi aggiunge: «Oggi possiamo trarre un bilancio provvisori: il coordinamento tra Confederazione e Cantoni funziona bene».

I grandi eventi - Berset ed Engelberger spiegano quindi i criteri in base ai quali gli eventi su larga scala dovrebbero essere consentiti a partire da ottobre. «Ciò che è importante è la tracciabilità delle responsabilità», afferma il "ministro" della sanità. Venerdì prossimo il Consiglio federale incontrerà i rappresentanti del calcio e dell'hockey su ghiaccio. Saranno quindi disponibili ulteriori informazioni, ha aggiunto.

Tutte le regioni colpite - «La situazione è fragile», afferma Berset. L'UFSP ha segnalato ieri, con 311 casi, il maggior numero di nuove infezioni da aprile. «Tutti i cantoni sono interessati dall'aumento».

«Perdita di disciplina» - «Noto una perdita di disciplina», ammonisce quindi il consigliere federale. «Non si può riaprire tutto e poi essere sorpresi quando il numero di casi aumenta di nuovo».

«Comportamento inaccettabile» - «Abbiamo bisogno di un sistema di alta qualità». Di questo si è discusso anche con i Cantoni nella conferenza odierna. Ciò è particolarmente importante per i grandi eventi, ma anche per le persone che tornano da paesi nella black-list. In generale, l'organizzazione attuale funziona bene, ma: «In oltre il 40% dei casi, i medici non segnalano i casi all'UFSP. E questo è inaccettabile in una pandemia». Berset aggiunge: «Per avere delle informazioni complete, necessitiamo delle informazioni cliniche complete da parte dei medici che lavorano negli ospedali e negli studi medici. Ma stiamo migliorando».

Obiettivo: cento per cento - Insieme all'UFSP e ai medici cantonali, il Consiglio federale sta lavorando a una strategia che porterà il numero di casi segnalati al 100 percento. Berset riassume: «Ci sono grandi sfide che ci aspettano. Occorrono linee guida uniformi in base alle quali i Cantoni possano decidere se approvare o meno i grandi eventi». Ciò richiede miglioramenti e sviluppi nella gestione dei dati e nel tracciamento dei contatti.

«Siamo preparati» - Lukas Engelberger prende parola spiegando che oggi tutti i direttori sanitari si sono incontrati per una riunione straordinaria. «Siamo d'accordo che la situazione è fragile. La curva punta verso l'alto, dobbiamo prenderla sul serio». I Cantoni hanno sotto controllo la ricerca dei contatti e il coordinamento di questa situazione: «Siamo preparati», ha assicurato Engelberger. «Il sistema di tracciamento è stato messo alla prova, proprio perché le persone si spostano di più», aggiunge Engelberger. Grazie alla Conferenza dei direttori della sanità, i Cantoni puntano ora su una strategia comune.

Ancora mascherina - «Personalmente, presumo che la mascherina farà ancora più parte della nostra vita quotidiana», prosegue ancora. «Questo è fastidioso, ma comunque meglio del dover prendere misure più serie. «Non vogliamo un secondo lock-down», ha detto il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità. Affrontare i grandi eventi è ora l'obiettivo. Ciò richiede criteri chiari per garantire la sicurezza di questi eventi. «Questo deve essere regolamentato a livello nazionale, anche perché i grandi organizzatori operano a livello nazionale». Berset ha concluso: «Vogliamo tornare alla normalità, ma senza mettere a rischio i cittadini». Fondamentale resta il contact tracing.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA