keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
45 min
Ragazzino scappa dalla polizia con un motorino supersonico
Il veicolo poteva raggiungere i 99 km/h. Al 16enne è stata ritirata la patente sul posto
BERNA
51 min
Chi lavora con i minori deve applicare i diritti dell'infanzia
Ne è convinto il Consiglio federale che prevede di concedere per cinque anni aiuti finanziari.
GRIGIONI
2 ore
Auto lasciate aperte, i ladri fanno man bassa
La Polizia grigionese ha arrestato cinque malviventi. E raccomanda «più prudenza» alla popolazione
SVIZZERA
4 ore
Nel 2020 Ermotti ha guadagnato 13,3 milioni di franchi
È quasi 1 milione in più rispetto all'anno scorso. In 9 anni, il dirigente ha incassato come un ticinese medio in 1'800
BERNA
5 ore
Oggi un minuto di silenzio per le vittime del virus
Alle 11.59 le campane suoneranno e l'intero paese si fermerà per un minuto di silenzio
SONDAGGIO TAMEDIA
6 ore
Appuntamento alle urne: come voterete?
Nel weekend siamo chiamati a esprimerci su tre oggetti, tra cui l'iniziativa anti-burqa. Partecipate al nostro sondaggio
LUCERNA
14 ore
Operazione di polizia per una lite in un appartamento
È successo stasera a Emmenbrücke. Nell'alloggio è stata trovata un'arma (non usata). Due i feriti.
ZURIGO
15 ore
Se ti registri ora, riceverai la vaccinazione più velocemente
In molti cantoni ci si può già prenotare per il vaccino, indipendentemente dall'età
SVIZZERA
16 ore
Tutto pronto per l'ultimo atto della Questione giurassiana
A Moutier si andrà al voto il prossimo 28 marzo. La consigliera federale Keller-Sutter ha verificato il dispositivo
SVIZZERA
17 ore
Un ristorante su cinque ha già dovuto gettare la spugna
È un quadro «drammatico» quello tracciato da Gastrosuisse per il settore della ristorazione
GRIGIONI
17 ore
Il Parc Ela punta sul “local”
Un progetto intende trasformare e vendere i prodotti dell'agricoltura locale all'interno del parco
SVIZZERA
18 ore
«Domani valuteremo nuovamente la situazione»
Alain Berset ha incontrato oggi i rappresentanti cantonali della sanità per fare il punto sulla pandemia in Svizzera.
SCIAFFUSA
20 ore
Secondo caso d'influenza aviaria a Sciaffusa
Dopo il gabbiano a febbraio, questa volta è toccato a una poiana a essere infettata dal virus H5N4.
BERNA
20.08.2020 - 16:480
Aggiornamento : 20:33

Cosa succederà ai grandi eventi?

Il consigliere federale Alain Berset ha incontrato i Cantoni: «È importante la tracciabilità delle responsabilità»

«Nel 40% dei tamponi positivi non riceviamo le informazioni cliniche dai medici. Bisogna migliorare»

BERNA - Quali gli sviluppi attuali sulla situazione covid in Svizzera? Il Consiglio federale, in una conferenza stampa odierna, fa chiarezza sia sulla lotta contro la pandemia che sul coordinamento tra Confederazione e Cantoni. Ma ci si attendono anche nuove informazioni sui grandi eventi che saranno nuovamente consentiti, secondo un preciso protocollo, da ottobre. All'appuntamento partecipano il consigliere federale Alain Berset e Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità.

Contatti stretti - Il primo a prendere la parola è Alain Berset: «Confederazione e Cantoni mantengono contatti molto stretti e continueranno a farlo anche in futuro», spiega. «Come sempre, l'obiettivo è contenere il numero di casi. Vogliamo lavorare a stretto contatto», ha sottolineato il consigliere federale. Quindi aggiunge: «Oggi possiamo trarre un bilancio provvisori: il coordinamento tra Confederazione e Cantoni funziona bene».

I grandi eventi - Berset ed Engelberger spiegano quindi i criteri in base ai quali gli eventi su larga scala dovrebbero essere consentiti a partire da ottobre. «Ciò che è importante è la tracciabilità delle responsabilità», afferma il "ministro" della sanità. Venerdì prossimo il Consiglio federale incontrerà i rappresentanti del calcio e dell'hockey su ghiaccio. Saranno quindi disponibili ulteriori informazioni, ha aggiunto.

Tutte le regioni colpite - «La situazione è fragile», afferma Berset. L'UFSP ha segnalato ieri, con 311 casi, il maggior numero di nuove infezioni da aprile. «Tutti i cantoni sono interessati dall'aumento».

«Perdita di disciplina» - «Noto una perdita di disciplina», ammonisce quindi il consigliere federale. «Non si può riaprire tutto e poi essere sorpresi quando il numero di casi aumenta di nuovo».

«Comportamento inaccettabile» - «Abbiamo bisogno di un sistema di alta qualità». Di questo si è discusso anche con i Cantoni nella conferenza odierna. Ciò è particolarmente importante per i grandi eventi, ma anche per le persone che tornano da paesi nella black-list. In generale, l'organizzazione attuale funziona bene, ma: «In oltre il 40% dei casi, i medici non segnalano i casi all'UFSP. E questo è inaccettabile in una pandemia». Berset aggiunge: «Per avere delle informazioni complete, necessitiamo delle informazioni cliniche complete da parte dei medici che lavorano negli ospedali e negli studi medici. Ma stiamo migliorando».

Obiettivo: cento per cento - Insieme all'UFSP e ai medici cantonali, il Consiglio federale sta lavorando a una strategia che porterà il numero di casi segnalati al 100 percento. Berset riassume: «Ci sono grandi sfide che ci aspettano. Occorrono linee guida uniformi in base alle quali i Cantoni possano decidere se approvare o meno i grandi eventi». Ciò richiede miglioramenti e sviluppi nella gestione dei dati e nel tracciamento dei contatti.

«Siamo preparati» - Lukas Engelberger prende parola spiegando che oggi tutti i direttori sanitari si sono incontrati per una riunione straordinaria. «Siamo d'accordo che la situazione è fragile. La curva punta verso l'alto, dobbiamo prenderla sul serio». I Cantoni hanno sotto controllo la ricerca dei contatti e il coordinamento di questa situazione: «Siamo preparati», ha assicurato Engelberger. «Il sistema di tracciamento è stato messo alla prova, proprio perché le persone si spostano di più», aggiunge Engelberger. Grazie alla Conferenza dei direttori della sanità, i Cantoni puntano ora su una strategia comune.

Ancora mascherina - «Personalmente, presumo che la mascherina farà ancora più parte della nostra vita quotidiana», prosegue ancora. «Questo è fastidioso, ma comunque meglio del dover prendere misure più serie. «Non vogliamo un secondo lock-down», ha detto il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità. Affrontare i grandi eventi è ora l'obiettivo. Ciò richiede criteri chiari per garantire la sicurezza di questi eventi. «Questo deve essere regolamentato a livello nazionale, anche perché i grandi organizzatori operano a livello nazionale». Berset ha concluso: «Vogliamo tornare alla normalità, ma senza mettere a rischio i cittadini». Fondamentale resta il contact tracing.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-05 12:25:15 | 91.208.130.87