Deposit
SVIZZERA
03.07.2020 - 00:010

Lo straziante dilemma dei locali: fra il contagio e le bollette da pagare

Visto i casi di Zurigo, Argovia e Ticino in molti li vorrebbero chiusi, ma spesso non è così semplice

L'esperto: «Tutti quanti operano seguendo le direttive ma non è facile, e la pressione è tanta»

ZURIGO - Flamingo, Tesla, Plaza, Mascotte, Jade e... Woodstock: questi alcuni dei nomi della movida del contagio in Svizzera. Una lista che, verosimilmente, è destinata ad aumentare.

Come già osservato dalle autorità di Basilea Città, alle prese con un fenomeno simile nel dopo-lockdown, il virus ha un po' cambiato il suo funzionamento: più mobile, difficile da tracciare e soprattutto... giovane, con un'età media degli infetti molto più bassa.

Sebbene le autorità, per ora, puntino ancora sulla responsabilità individuale e sulle liste per il contact-tracing, il malumore dell'opinione pubblica rispetto a questo tipo di business - visto un po' come il nuovo untore - è palpabile: «Tutti quanti operano seguendo le direttive della Confederazione ma non è facile, la pressione è tanta», racconta a 20 Minuten l'esperto di vita notturna della città di Zurigo, Alex Flach.

Diversi locali, compreso il Woodstock, dopo l'annuncio dei casi positivi hanno deciso di chiudere i battenti più o meno temporaneamente: «È una sorta di ammissione di responsabilità ma dubito che verrà emulata in maniera spontanea da altre attività. Da una parte tenere aperto significa rischiare di passare alla cronaca come il nuovo "luogo del contagio", dall'altra però per molti economicamente è dura, considerando anche la chiusura per diversi mesi».

«Malgrado l'impegno dei locali si finisce subito sotto i riflettori: su sa subito dove e quando c'è stato un contagio, e si punta il dito. Ma dei mezzi pubblici non parla mai nessuno... Nessuno sa quanta gente ha preso il coronavirus sul treno o sul bus!», commenta Marc Blickenstofer della Commissione svizzera dei bar e dei club (SBCK), «il coronavirus è una cosa con cui dobbiamo imparare a convivere, per farlo bisogna rispettare alla lettera il regolamento». E per quanto riguarda le mascherine obbligatorie in discoteca? «Difficile che la clientela si adegui», conclude Blickenstofer.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Questi sono i risultati da quando la politica (non senza interessi) ha dato pieni poteri alla medicina.
seo56 1 mese fa su tio
Chiudeteli!
Maxy70 1 mese fa su tio
Andare ad ammucchiarsi nei locali notturni, dove è semplicemente impossibile rispettare o fare rispettare le regole COVID e poi uscire a infettare una persona ignara, magari anziana o a rischio! È un egoismo che ha del mostruoso. Il paragone con i mezzi pubblici è demenziale. Primo, non si può evitare di utilizzarli, mentre la “movida” non è indispensabile; secondo, se si rimane tranquilli, al proprio posto o in piedi, CON LA MASCHERINA portata correttamente, senza starnazzare (bocca chiusa e si respira con il naso), non toccarsi il volto, la possibilità di un contagio è molto ridotta. Ovviamente richiede disciplina e senso di responsabilità... merce rara!
Led Swan 1 mese fa su fb
Effettivamente andare in discoteca con la mascherina è come far mangiare del miele ad un diabetico...
Evry 1 mese fa su tio
Allora resta solo di multare severamente (di 10'000 Fr in sù) i gestori !!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 14:09:55 | 91.208.130.89