Keystone - foto d'archivio
Sergio Ermotti ha rassegnato le dimissioni dalla guida di UBS per il prossimo primo novembre.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
SVIZZERA
3 ore
Appartamento in fiamme: c'è una vittima
Il corpo è stato scoperto dai pompieri accorsi per domare le fiamme
ZURIGO
6 ore
Un botto durante il controllo, ferito un poliziotto
Ad esplodere è stato un fuoco d'artificio.
URI
7 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
9 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
10 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
SAN GALLO
11 ore
Fiamme al centro riciclaggio, densa e alta la colonna di fumo
Dai primi accertamenti non sembrano esservi persone all'interno dell'edificio
FOTO
URI
11 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
11 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
13 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
28.04.2020 - 07:320
Aggiornamento : 11:30

Il coronavirus non ferma l'utile di UBS

Il primo trimestre si chiude con 1,6 miliardi di dollari. Su base annua è in progressione del 40%

ZURIGO - UBS ha registrato nel primo trimestre di quest'anno un utile netto in progressione del 40% su base annua a 1,6 miliardi di dollari. Lo ha comunicato oggi il numero uno bancario elvetico. Il dato è superiore agli 1,5 miliardi preannunciati da UBS a inizio aprile.

I ricavi operativi si sono attestati a 7,93 miliardi (7,2 miliardi nello stesso periodo del 2019), mentre i costi operativi sono saliti del 4% a 5,93 miliardi, portando la cost/income ratio al 72,3% (77,9% un anno prima e 80,5% a fine dicembre).

L'utile prima delle imposte è cresciuto del 30% a 2,01 miliardi di dollari. Tutte le regioni hanno registrato una progressione a due cifre percentuali. In termini di divisioni il contributo maggiore, 1,22 miliardi (+41%), è prevenuto da Global Wealth Management, seguita da Investment Bank con 709 milioni (+242%) e Asset Management con 157 milioni (+52%). Personal & Corporate Banking ha invece ha subito una contrazione del 14% a 334 milioni in seguito a rettifiche di valore sui rischi di credito. Si è poi ampliata da 306 a 410 milioni di dollari la perdita ante-imposte di Group Functions.

I fondi amministrati sono scesi nettamente soprattutto a causa della debole evoluzione dei mercati azionari, portandosi a 3'236 miliardi di dollari a fine marzo dopo 3'607 miliardi a fine dicembre.

La quota di capitale ponderata per il rischio CET1 è scesa in tre mesi dal 13,7% al 12,8% e l'indice di leva finanziaria CET1 dal 3,9% al 3,8% mentre mentre la Tier 1 leverage ratio (quota d'indebitamento non ponderata) è diminuita dal 5,7% al 5,4%. Questo mentre il rendimento dei fondi propri (RoTE) è salito dal 5,9 al 12,8%.

Soddisfatti i vertici dell'istituto: «in un contesto di mercato estremamente volatile e incerto" UBS ha dimostrato in tutti i segmenti "un'elevata capacità di resistenza nelle attività operative», viene affermato nella nota. Il risultato rispecchia inoltre l'elevato volume di negoziazioni nei comparti Global Wealth Management e Investment Bank. L'epidemia di coronavirus comporta notoriamente forti turbolenze sui mercati finanziari e pertanto a un'elevata attività della clientela.

Come Credit Suisse, anche UBS è stata costretta ad operare rettifiche di valore in seguito alla pandemia, ma meno della concorrente (444 milioni): complessivamente le rettifiche di valore nette sui rischi di credito sono ammontati a 268 milioni di dollari.

Quanto alle prospettive, il management si mostra prudente: non è ancora per nulla chiaro come evolverà la situazione. I patrimoni della clientela scesi a causa della debolezza dei mercati azionari diminuiranno i ricavi da commissioni ricorrenti. Inoltre i bassi tassi d'interesse peseranno anche sui proventi delle operazioni su interesse. I vertici della grande banca si attendono un calo delle attività della clientela, cosa che avrà effetti negativi sui ricavi da operazioni di negoziazione.

Secondo l'istituto le prospettive congiunturali globali sono cambiate drammaticamente in seguito alla pandemia di Covid-19. A breve termine l'economia mondiale dovrebbe contrarsi. L'attività è limitata, cosa che nell'intero settore bancario comporterà maggiori rettifiche di valore sui rischi di credito. La maggior parte dei crediti concessi da UBS è tuttavia caratterizzato da un'elevata qualità, assicura la banca.

Nell'ambito dell'attuale programma di sostegno del Consiglio federale alle piccole e medie imprese l'istituto ha elaborato fino a venerdì scorso più di 21'000 richieste e concesso prestiti per un valore complessivo di oltre 2,5 miliardi di franchi. Come già comunicato, UBS donerà eventuali guadagni derivanti da tali crediti a progetti svizzeri di sostegno alla comunità.

È pure già noto che la banca verserà 30 milioni di dollari per diversi progetti d'aiuto elvetici e globali. Nella nota viene inoltre ricordato che i membri della direzione hanno deciso di donare nei prossimi sei mesi la metà del proprio stipendio a favore di misure di sostegno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 01:18:29 | 91.208.130.85