Gas serra: l'obiettivo 2020 sembra irraggiungibile
Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
7 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
9 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
13 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
Svizzera
14 ore
Precipita da una diga per 20 metri, sopravvive
L’operaio 23enne è stato trasportato dalla Rega nei Grigioni
SVIZZERA
14 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
SVIZZERA
15 ore
La Chiesa evangelica conferma: l'ex presidente ha commesso abusi
Le conclusioni di un'indagine su Gottfried Locher sono state presentate oggi a Berna.
BERNA
15 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
FOTO
SVIZZERA / LAOS
16 ore
La Svizzera tende la mano al Laos
Ignazio Cassis ha firmato oggi un accordo di cooperazione allo sviluppo con il Paese asiatico.
SVIZZERA
16 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
GRIGIONI
17 ore
Un principe si compra il suo maniero
Rudolf von Liechtenstein ha acquistato il Castello di Marschlins nei pressi di Igis-Landquart.
SVIZZERA / BELLINZONA
17 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
18 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
SVIZZERA
15.04.2020 - 13:020
Aggiornamento : 13:53

Gas serra: l'obiettivo 2020 sembra irraggiungibile

Il rapporto sul 2018 arriva con un anno di ritardo. Ma il -20% dal 1990 non è fattibile

Critico il WWWF: «La diminuzione delle emissioni avanza a ritmo di lumaca»

BERNA - Le emissioni di gas serra in Svizzera nel 2018 si sono attestate a 46,4 milioni di tonnellate di CO2, in lieve diminuzione di 1,5 milioni di tonnellate rispetto all'anno precedente. Lo indica l'Inventario dei gas serra elaborato annualmente dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), i cui dati sono però pubblicati con circa un anno di ritardo. 

Non abbastanza - Il calo registrato fra il 2017 e il 2018 (1,2 milioni di tonnellate su 1,5 milioni) è riconducibile soprattutto alla forte diminuzione nell'utilizzo di combustibili nel settore degli edifici in seguito all'inverno mite, indica in una nota odierna l'UFAM.

Sulla base dell'inventario del 2018, l'UFAM ritiene che la Confederazione - se le tendenze rimangono invariate - non coglierà l'obiettivo di riduzione delle emissioni secondo la legge sul CO2, pari a meno 20% entro il 2020 rispetto al 1990. Ieri le autorità elvetiche hanno inviato il rapporto al Segretario dell'ONU sui cambiamenti climatici. L'inventario presenta un quadro completo delle emissioni di gas serra della Svizzera regolamentate dal Protocollo di Kyoto.

Traffico - Le emissioni del settore del traffico sono state pari a 15 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti (CO2-eq) sia nel 2018, sia l'anno precedente e rappresentano l'1% in più rispetto al 1990. L'obiettivo di ridurre del 10% le emissioni entro il 2020 sembra irrealistico. «L'aggiunta di biocarburanti ha segnato un aumento marcato negli ultimi anni e nel 2018 ha superato nettamente la quota del 3% delle vendite di carburante», spiega l'UFAM, sottolineando che dal 2008 le emissioni sono in continuo calo soprattutto a causa della diminuzione dei «turisti del pieno» che varcano il confine per fare rifornimento. Inoltre, veicoli più efficienti consentono di ridurre le emissioni di CO2 al chilometro, ma tale tendenza positiva è annullata dall'aumento dei chilometri percorsi.

Industria: manca un punto percentuale - Nel 2018 le emissioni di gas serra del settore industriale sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2-eq, con una flessione del 14% rispetto al 1990. Manca dunque un solo punto percentuale per cogliere l'obiettivo di riduzione del 15% entro il 2020, ma negli ultimi anni le relative emissioni segnano una stagnazione, avverte l'UFAM. La diminuzione è stata corretta retroattivamente (aggiungendo un aumento di circa 0,5 milioni di tonnellate), poiché una fonte di protossido d'azoto sconosciuta è stata individuata - e poi inserita nell'inventario dell'UFAM - nella produzione dell'azienda chimico-farmaceutica Lonza.

Edifici -Nel 2018 le emissioni di gas serra del settore degli edifici sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2-eq, in diminuzione del 34% rispetto al 2020. L'obiettivo di riduzione è del 40% e probabilmente non verrà raggiunta, spiega l'UFAM. Nel 2018 si è registrato un calo importante (1,2 milioni di tonnellate) rispetto all'anno precedente, ma ciò è dovuto in gran parte all'inverno mite, il quale dimostra che gli edifici sono ancora in gran parte riscaldati con combustibili fossili. Una diminuzione si nota tuttavia grazie alla migliore efficienza energetica degli edifici e alla sostituzione di riscaldamenti a combustibili fossili e a gas con pompe di calore e impianti a energie rinnovabili. Il settore - se si esclude il calo dovuto all'inverno mite - presenta una riduzione delle emissioni di solo 0,3 milioni di tonnellate l'anno.

Agricoltura - Le emissioni del settore agricolo si attestano da quasi un ventennio a circa 6,7 milioni di tonnellate di CO2-eq. Rispetto al 1990 si nota una diminuzione di circa il 10% ma considerando questa decennale stagnazione «l'obiettivo di riduzione del 10% entro il 2020 non dovrebbe tuttavia essere raggiunto nemmeno in questo settore», sostiene l'UFAM. Dal primo gennaio 2019, tuttavia, il Protocollo di Montreal disciplina i 18 gas serra sintetici principali e la sua attuazione dovrebbe permettere nei prossimi anni una riduzione notevole delle emissioni.

Critiche dal WWF -I mancati obiettivi di riduzione da parte della Svizzera sono giudicati «inaccettabili» da parte del WWF, secondo cui la diminuzione delle emissioni avanza a ritmo di lumaca. Le emissioni, aggiungono, dovrebbero diminuire del 4% all'anno, mentre nel 2018 il dato si è attestato al 2%. «L'attuale legge sul CO2 non è stata sufficientemente attuata, il che ha contribuito al prevedibile mancato raggiungimento degli obiettivi», critica Patrick Hofstetter, specialista della protezione del clima presso il WWF, citato in una nota odierna dell'organizzazione. Secondo quest'ultima, la revisione totale della legge sul CO2 dovrebbe comprendere l'estensione della tassa sul CO2 a tutti i gas serra.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 07:52:26 | 91.208.130.89