Keystone
Le uscite inutili delle ambulanze, però, si conterebbero sulle dita di una mano
BERNA
06.12.2019 - 06:080

«C'è gente che chiama il 144 migliaia di volte all'anno»

Un bernese è stato recentemente condannato al pagamento di 600 franchi. Dietro simili telefonate, spesso, si nascondono patologie psichiche

di Redazione
Sul/Do

BERNA - Un bernese che, in maggio, ha chiamato per tre notti il numero di emergenza della polizia (117) circa 80 volte è stato costretto al pagamento di una multa di 600 franchi. “Abuso di impianti di telecomunicazioni” è il reato citato nel decreto d’accusa a suo carico. L'infrazione si configura quando si bombarda qualcuno di chiamate, messaggi WhatsApp o email non desiderati.  

Nel 2018 sono stati registrati 26 casi di chiamate abusive alla polizia cantonale. Secondo la statistica criminale di polizia, i casi di abuso di impianti di telecomunicazioni registrati nel cantone sono stati 139 in totale. In Ticino 87. Come ricorda la portavoce della cantonale bernese, Franziska Liniger, tuttavia, non tutti i casi segnalati si traducono in una denuncia e ogni episodio va valutato singolarmente. Le motivazioni di chi eccede nelle telefonate possono essere diverse: «Spesso si tratta anche di persone in situazioni difficili o con problemi psichici», ricorda Liniger.

Anche la centrale d’allarme della polizia cantonale di Berna conferma di doversi confrontare con regolarità con chiamate di nessuna importanza e falsi allarmi provocati intenzionalmente. Le conseguenze, ricorda Franziska Liniger, possono essere deleterie: «Il problema sussiste in particolare quando le squadre di intervento rimangono impegnate con telefonate simili o entrano addirittura in azione. Si perde tempo prezioso che permetterebbe di prestare aiuto in veri casi di emergenza». L’opportunità dell’invio di una pattuglia viene valutata caso per caso.

Marco Harder - direttore di settore della centrale per le emergenze sanitarie 144 di Berna -  fa sapere invece che, per quanto li riguarda, i casi di abuso sono molto rari. Di tanto in tanto, tuttavia, sono confrontati con scherzi telefonici da parte di giovani. Il disturbo che causano, però, sarebbe limitato: «In base all’atteggiamento del chiamante riconosciamo abbastanza in fretta che si tratta di uno scherzo e sollecitiamo la persona a non ripetere la cosa in futuro», spiega Harder. In un anno, i casi in cui si fa uscire un’ambulanza inutilmente si contano sulle dita di una mano, aggiunge.

Danno molto più da fare quelle singole persone che chiamano il 144 in continuazione. «Spesso dietro si nascondono malattie psichiche», sottolinea Harder. Altri chiamanti cercano semplicemente qualcuno con cui parlare o vogliono sfogare la loro frustrazione sulle autorità: «C’è gente che compone il numero di emergenza migliaia di volte in un anno», sostiene. Anche in questi casi, conclude, ci si astiene da denunce e si tenta piuttosto di far ragionare gli interessati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Val Caste 9 mesi fa su fb
Bene altra gabola 🌿ora si deve vedere come fare le multe mah se è patologia psichica sarà la solita manfrina di cavilli 🌿
Maxy70 9 mesi fa su tio
Sono chiaramente casi di disagio sociale, vanno presi a carico, ovviamente non serve una denuncia. Dov'é la notizia?
Fabio Pandolfi 9 mesi fa su fb
Marco
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 14:29:45 | 91.208.130.89