keystone-sda.ch/ (PETER KLAUNZER)
La quantità di vino straniero consumato in Svizzera è superiore a quello di produzione interna (170 milioni di litri contro 80).
+ 13
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
46 min
«Gli standard sulla verdura dei supermercati sono irrealistici, ribelliamoci»
Lo sfogo di un coltivatore Bio che deve buttare metà delle sue patate perché “troppo grandi”, lui: «Nessuno si lamenta: hanno paura»
BERNA
1 ora
Formula magica sotto attacco, ma una mancata rielezione è un fatto raro
Dal 1848 a oggi è accaduto solo quattro volte e due casi risalgono al 1800
BERNA
3 ore
Sciare sulla Jungfrau non sarà per tutti
Le Jungfraubahnen intendono limitare l'accesso alle piste sopra a Wengen e Grindelwald. Questione di tutela ambientale e marketing
GINEVRA
4 ore
Pedone investito da un'auto muore a Ginevra
L'incidente è avvenuto attorno alle 4.30
BERNA
5 ore
Iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili": «L'opuscolo contiene errori»
L'Associazione svizzera degli inquilini chiede al Consiglio federale una rettifica urgente. Si vota il 9 febbraio
SVIZZERA
5 ore
I genitori al pronto soccorso "sclerano", sicurezza rafforzata
I numeri sulle aggressioni negli ospedali sono impressionanti: in un anno 1500 al CHUV di Losanna, 1200 all'Inselspital di Berna, 900 all'ospedale di Zurigo e 5000 all'HUG di Ginevra
SVIZZERA
5 ore
Poco spazio per lavorare: i dipendenti di Swiss protestano
Sui nuovi A320 Neo la superficie a disposizione nelle cucine di bordo sarà ancora più limitata, lamentano gli assistenti di volo. La compagnia relativizza
SVIZZERA
6 ore
Uber minaccia di abbandonare la Svizzera
Essere datore di lavoro significa pagare i contributi sociali a tutti gli autisti. Una situazione che non piace alla rappresentante della sharing economy
SVITTO
8 ore
I neonazi cercano la pace in una baita svizzera
Dozzine di estremisti, anche dalla Germania, si sono radunati in una capanna del Canton Svitto. Le autorità hanno tenuto d'occhio l'evento
SVIZZERA
21 ore
Un nuovo milionario grazie al Joker
La schedina è stata validata nel Vallese
ZURIGO
23 ore
Presta la bicicletta alla polizia, ma era rubata
Le forze dell’ordine hanno cercato l’autore del cortese gesto su Twitter, ma nessuno si è fatto avanti
ZURIGO
1 gior
Immersione fatale, i sommozzatori recuperano un corpo nel lago
L'uomo era scomparso da mercoledì dopo un'immersione nei pressi di Horgen
ARGOVIA
1 gior
Otto incendi dolosi in pochi mesi, fermate dieci persone
L'ultimo la scorsa notte in una casa unifamiliare. A Merenschwand è mistero
BERNA
02.12.2019 - 13:280

Nella capitale si manifesta contro il vino straniero

Oltre 150 viticoltori hanno alzato la voce oggi a Berna a difesa dei propri prodotti

di Redazione
ats

BERNA - Tra i 150 e i 200 viticoltori, soprattutto romandi, hanno manifestato oggi a Berna per difendere il loro lavoro e i loro prodotti. I dimostranti hanno chiesto una limitazione alle importazioni di vino straniero.

L'azione doveva aver luogo in Piazza federale, ma è stata spostata verso il casinò. I raduni davanti al Parlamento non sono infatti permessi durante la sessione e quella invernale si apre proprio oggi.

I manifestanti provenivano soprattutto dai cantoni di Vaud, Vallese e Ginevra. La data scelta non è casuale: i viticoltori vogliono approfittare dei lavori delle Camere per sensibilizzare i deputati in merito alle minacce che gravano sul loro lavoro e su numerose altre professioni agricole. È inoltre previsto un incontro con alcuni parlamentari che hanno raccolto l'invito, e pure, il 17 dicembre, con il ministro dell'economia Guy Parmelin.

La quantità di vino straniero consumato in Svizzera è superiore a quello di produzione interna, «170 milioni di litri contro 80», ha spiegato all'agenzia Keystone-ATS Alexandre Fischer, uno dei viticoltori all'origine dell'iniziativa. Impossibile competere con i prezzi delle bottiglie che arrivano dall'estero: «Loro le vendono a tre o quattro franchi, noi a 10-15».

Stando ai viticoltori, alcuni accordi danno origine a una concorrenza sleale, legata anche a norme ambientali meno restrittive all'estero rispetto a quelle applicate in Svizzera. I presenti hanno poi domandato maggior sostegno da parte della Confederazione e un riesame dei dazi sulle importazioni di vini stranieri.

keystone-sda.ch/ (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 16 immagini
Commenti
 
Tato50 2 gior fa su tio
In risposta a quello sotto che dice di fare vini migliori a prezzi accettabili; beviti questo della tua Patria ;-(( Il più grave scandalo nel settore del vino risale a trent’anni fa, in Italia: è l’episodio del vino al metanolo che nel marzo 1986 provocò 23 vittime con decine di persone con lesioni gravissime (perdita della vista) a causa delle intossicazioni causate dalla pratica di aumentare la gradazione alcolica del vino con il metanolo o alcool metilico, un alcool naturale che è notevolmente tossico. Salute !!!!!!!!!!!
pillola rossa 4 gior fa su tio
Affaire Giroud à suivre...
anndo76 5 gior fa su tio
proprio ridicoli....a prescindere che ogni vino ( di ogni paese ) ha una sua prerogativa e gusto ( e moltissime volte molto piu' cari di quelli svizzeri ) saro' libero di bere cio' che voglio e che posso permettermi ? fate un prodotto migliore a prezzi piu' accettabili e forse venderete di piu'. ps: le esportazioni pero' le volete no ? allora non lamentatevi se il mercato chiede le importazioni
york11 5 gior fa su tio
Le richieste dei viticoltori da RSI Modem del 2 dicembre: -blocco totale delle importazioni dei vini stranieri (specialmente Italia-Spagna) -il consumo di vini svizzeri deve passare da 1 bottiglia CH a 2 bottiglie CH SU 3 vendute -la gente deve comprare vini sopra i 50fr. bottiglia CH, altrimenti non deve bere. -bisogna aumentare consumo di alcolici tornare a livelli anni '90 -piu sovvenzioni ai viticoltori (pagate dai cittadini) -se il mercato preferisce vini stranieri è dovuto solo al prezzo (dicono), la politica deve intervenire con dazi -tornare a 2 bottiglie importate a persona anziché le 7 attuali. -i ristoranti CH devono vendere vino km zero (l'eccesso di prezzo è un problema del cliente, i margini dei ristoratori non si toccano) -denunciano le norme ambientali CH sono troppo restrittive = costi di produzione più alti, intanto il vino ticinese è pieno di pesticidi e solfiti. -la gente a Natale DEVE regalare bottiglie Ticinesi a 50 fr. a bottiglia, regalare un vino italiano da 15 fr è indecente. -i giovani devono passare dall'alcool-pop e birra al vino CH (Merlot e Fandant al sabato sera che hanno doppia gradazione alcolica) -i vini stranieri a 5 fr. sono inbevibili (tipo Barbera, Chianti fanno vomitare...) -il vino è cultura, non provoca assolutamente alcolismo nella popolazione, in fondo anche Gesù Cristo l'ha bevuto l'ultima cena...
Tato50 5 gior fa su tio
@york11 Passare al sistema Trump, non mi sembra la miglior via percorribile perché ci sarà sempre la possibilità di ritorsione nei confronti dei nostri prodotti. Si cominci ad essere onesti con i prezzi, specialmente in certi Ristoranti e acquistare il prodotto alla "fonte". Io a cena in un Ristorante a Bellinzona, assieme ad altri tre, ho pagato una bottiglia di Oeil de perdrix, quello vallesano che credo sia il migliore, 80 franchi !!!!!! Alla fine, nello svuotare completamente la bottiglia, sotto la stessa c'era la l'etichetta "Denner 12,50". Non oso pensare cosa costa una bottiglia di un buon vino ticinese in quel E.P. ;-((
york11 5 gior fa su tio
@Tato50 Ciao Tato, hai perfettamente ragione, ho ascoltato le richieste dei rappresentanti dei viticoltori e Gastrosuisse e sono rimasto scandalizzato, penso che vorrebbero vivere sull'isola che non c'è (facendo pagare il biglietto a noi), sono assolutamente ridicoli e fuori dalla realtà, troppo facile eliminare la concorrenza per compensare le loro mancanze e prezzi esagerati, inoltre detto da una casta di privilegiati e sovvenzionati. Stranamente hanno centinaia di litri di vino invenduti, forse hanno sovrapproduzione? Prezzi troppo alti? Qualità scadente? Pretendono di essere alla pari di vini con una qualità e storia nettamente superiori, magari dovrebbero scendere dal piedistallo ed essere più umili.
centauro 5 gior fa su tio
@Tato50 Dopo una tale scoperta io avrei richiamato il gestore del ristorante e avrei chiesto spiegazioni in merito, magari di fronte ad altri avventori del locale, poi avrei anche fatto richiesta di sottrazione dei 12,50 fr. dagli 80 indicati lasciando in proporzione il guadagno dovuto......non più di 20 fr. in toto!!!....e magari una segnalazione all'associazione che li rappresenta!
Tato50 5 gior fa su tio
@centauro Ciao "centauro", uno di quelli che era a cena assieme era molto amico dell'ex gerente di quel locale e malgrado noi volessimo delle spiegazioni subito, ci ha pregato di evitare tutto ciò che ci avrebbe pensato lui a "mettere in chiaro le cose". Lo ha fatto talmente bene che non abbiamo più saputo nulla di quanto avvenuto e il "corpo del reato", non sapendo che andava a finire così, naturalmente è scomparso. Il nostro grande errore è stato quello, come dici bene tu, di "lavare i panni sporchi" subito, alla faccia della presenza di altri avventori. Chiaramente io e gli altri due non abbiamo più frequentato il locale cosa che abbiamo fatto anche con chi "ci pensava lui" ;-((
centauro 5 gior fa su tio
@Tato50 Probabile che il soggetto non abbia cambiato le sue "abitudini" di "edulcorare" il prezzo delle bottiglie. La cosa che trovo raccapricciante è il fatto che questa è un'autentica truffa che dovrebbe essere sempre segnalata anche alle autorità che ne competono e trovo anche grave il fatto che succede in Svizzera e pure in altri settori, potrei citarne qualcuno nel campo degli auto riparatori.
Tato50 5 gior fa su tio
@york11 Concordo in toto ;-)) Un giorno, se vanno avanti così, al Ristorante ci vado ma il vino lo porto io ;-))
tazmaniac 6 gior fa su tio
Finchè il rapporto qualità prezzo sarà inferiori, "cari" romandi tenetevi il vino che io compro quello spagnolo e italiano, con qualche puntatina in zone francesi.
Zico 6 gior fa su tio
Cari romandi, quando c'è da accettare una legge proposta dall'UE siete i primi a dire sì, quando vi si tocca sul portamonete reclamate! libero commercio e libera circlazione: eccovi serviti e non piangete per quello che in fondo avete sempre voluto.
miba 6 gior fa su tio
Abbassate i prezzi che forse qualche vino in più ve lo comprano
Zico 6 gior fa su tio
@miba abbassare i prezzi è facile: basta abbassare le spese assumendo frontalieri. è la politica della sinistra per uguali salari, alla fine saranno sempre più bassi.
anndo76 6 gior fa su tio
@Zico basterebbe non volere il 400% di guadagno e fare vini migliori e piu' accessibili....ma a quanto pare le esportazioni dei loro vini nel mondo va' bene, ma se gli tocchi i franchetti perche' importi vino estero si lamentano ahahah ri-di-co-li !
interceptors 6 gior fa su tio
Gli svizzeri francesi sono proprio incredibili; prima votano sempre si ad ogni votazione pro ue, poi fanno i piangina perché il loro vino costa troppo e la gente compra quello che viene da fuori....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 16:43:50 | 91.208.130.87