Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
57 min
In aiuto sociale, ma compra 28 auto in nove anni
La compravendita di auto messa in atto dall'uomo potrebbe essere parte di un commercio in nero
SVIZZERA
15 ore
Si mettono al volante e ne combinano di tutti i colori: 15enni nei guai
Dopo essere stati pizzicati da un radar, i due hanno eluso anche un controllo di polizia
SVIZZERA
15 ore
Manifestazioni contro il razzismo in diverse città svizzere, in 5'000 a Basilea
La polizia non è intervenuta, ma ha distribuito volantini con le direttive sanitarie
SVIZZERA
20 ore
Alcol e guida, si capovolge sul passo
Ferito un 19enne sul passo del Klausen, trasportato dalla Rega in ospedale
SVIZZERA
20 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
21 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
21 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
23 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
1 gior
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
FOTO
BERNA
1 gior
Una folla per Floyd: «Stop al razzismo»
Più di mille persone hanno manifestato questa sera nelle vie di Bienne
SVIZZERA
1 gior
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
BERNA
19.09.2019 - 22:310

Ecco come gli attivisti sono entrati a Palazzo Federale

Sono una sessantina i giovani pro clima che hanno interrotto stamattina i dibattiti in Consiglio nazionale. Una 15enne risponde alla domanda di Quadri sulla sicurezza

BERNA - Questa mattina una sessantina di giovani ha interrotto i dibattiti in Consiglio nazionale, srotolando uno striscione e intonando “Bella ciao". Sullo striscione era leggibile la scritta "Final countdown - mancano 16 mesi" (per contenere l'innalzamento delle temperature a 1,5 gradi devono essere adottate misure per la riduzione delle emissioni entro la fine del 2020).

«Volevamo scuotere i nostri politici - ha spiegato a 20 Minuten Paula Schmid, 15enne di Zurigo -. Il tempo stringe e poi sarà troppo tardi».

«Ma come funzionano le misure di sicurezza a Palazzo federale visto che per far entrare un singolo ospite bisogna fare una specie di check in aeroportuale con tanto di metal detector?», aveva chiesto Lorenzo Quadri su Facebook, definendo gli attivisti «nullafacenti climatici pseudomolinari». Gli risponde Paula: «Quando abbiamo scoperto casualmente della possibilità di una visita di gruppo (fino a 99 persone) a Palazzo federale, ne abbiamo approfittato».

Poiché le manifestazioni politiche sono vietate all’interno e all’esterno di Palazzo federale, l’azione è stata pianificata con precisione. «Inizialmente volevamo “indossare” parti dello striscione, avvolgendoli attorno al corpo. Poi abbiamo deciso di nasconderli nello zaino».

Quando sono entrati, però, è stato detto loro che potevano essere portati all’interno un massimo di 20 borse. «Siamo stati fortunati, l’ultimo pezzo dello striscione si trovava proprio nel ventesimo zaino».

Dopo alcuni minuti sono intervenuti alcuni agenti della sicurezza che, con le buone maniere, hanno invitato i manifestanti ad andarsene. I giovani hanno lasciato la tribuna senza opporre resistenza. Gli agenti hanno in seguito raccolto alcuni oggetti, striscione compreso e, in seguito, chiesto i documenti agli attivisti. «Poi ci hanno fatto lasciare lo stabile, perché le nostre azioni erano contrarie alle regole di Palazzo Federale».

«L’umore era eccezionale - conclude Paula -. Alcuni “senatori” ci hanno anche applaudito».

Poche ore dopo il Nazionale ha accolto una mozione di Jürg Grossen (Verdi liberali Berna) che chiedeva l’introduzione di una tassa sui biglietti aerei. La Commissione dell'ambiente della Camera dei cantoni ha già proposto di integrare questo balzello nella revisione della legge sul CO2. Gli Stati devono ancora esprimersi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dioneus 8 mesi fa su tio
Grandi, grandi e ancora grandi!
matteo2006 8 mesi fa su tio
Piaceranno o meno ma se non sono i giovani a chiedere rivoluzioni chi lo fa? Fanno bene bravi continuate a martellare che qualcosa ne esce di buono sicuramente.
sedelin 8 mesi fa su tio
e adesso mi aspetto i commenti dei soliti indignati che urlano allo scandalo per un'azione che solleva il morale: ci sono ancora giovani guidati da ideali, al contrario di coloro che pensano soltanto a sballarsi e a commettere atti violenti.
Massimo D'Onofrio 8 mesi fa su fb
🐐!
Fran 8 mesi fa su tio
Hanno fatto B E N E!
Bayron 8 mesi fa su tio
Pora Svizzera....
Val Caste 8 mesi fa su fb
Val Caste 8 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 09:04:37 | 91.208.130.87