Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / RUSSIA
2 min
Aeroflot torna a volare su Ginevra
La compagnia di bandiera russa riprenderà i collegamenti regolari dall'aeroporto di Mosca dal 15 agosto.
SVIZZERA
33 min
Nessuna quarantena per i soldati di Swisscoy
I 165 militi impegnati in Kosovo potranno rientrare tranquillamente in Svizzera per le vacanze.
SVIZZERA
38 min
Aerei da combattimento: «spreco di soldi inaccettabile»
«Le vere minacce sono il cambiamento climatico, attacchi estremisti e ciber-terroristici oppure pandemie come il Covid»
FOTO
LUCERNA
39 min
Quattro auto divorate dalle fiamme
L'incendio è divampato dal primo veicolo propagandosi in seguito agli altri tre.
BERNA
1 ora
Anche le cipolle piangono: cancellato lo Zibelemärit
Il celebre mercato bernese non si terrà come di consuetudine il quarto lunedì di novembre.
SVIZZERA
1 ora
È residente in Catalogna, niente audizione per Valcke
L'ex numero 2 della FIFA avrebbe dovuto comparire ieri a Berna nell'ambito del processo contro Sepp Blatter.
SVIZZERA/SPAGNA
1 ora
Baleari: l'indice dei contagi sale, il rischio di black list è concreto
«Forse ai “turisti festaioli” è stato concesso troppo presto di entrare nel paese», ammette una elvetica a Maiorca.
SVIZZERA
2 ore
«Nel 2014 votai a favore dell'iniziativa UDC, ora non più»
Il Ceo di Credit Suisse Thomas Gottstein ritiene «troppo eccessiva» l'iniziativa della limitazione.
SVIZZERA
2 ore
Eventi con più di 1'000 persone? «Acceleriamo la seconda ondata»
Dalla Romandia si alza la voce di medici ed esperti. «Aggiungere grandi riunioni è un rischio significativo»
BERNA
05.09.2019 - 13:390

Vendita di alcol ai giovani, i venditori spesso sono sotto stress

Nel 2017 il 28,7% dei test d'acquisto eseguiti è sfociato in una cessione illecita di birra, vino o altre bevande

BERNA - La vendita di alcool a minorenni avviene principalmente laddove il personale è sotto stress o dove il commerciante teme che i clienti passino alla concorrenza. È quanto rileva uno studio di Dipendenze Svizzera pubblicato oggi.

Nel 2017 il 28,7% dei test d'acquisto eseguiti è sfociato in una cessione illecita di birra, vino o altre bevande, ricorda la fondazione. Dal 2009 la percentuale di vendite illecite oscilla attorno al 30%.

Nel quadro di uno studio qualitativo su mandato dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD) Dipendenze Svizzera ha condotto in tutte le regioni linguistiche del paese complessivamente trenta interviste approfondite con personale di vendita e di ristorazione.

Spesso capita che con un forte afflusso di gente i clienti diventano impazienti, a volte i dipendenti vengono perfino insultati o aggrediti fisicamente. Ma tra i punti vendita esaminati - si legge - solo il personale attivo nel commercio al dettaglio è stato formato sistematicamente in materia di vendita di alcool ai giovani e su come comportarsi nei loro confronti.

Formazioni sistematiche o perlomeno istruzioni standardizzate dovrebbero essere fornite in tutti i punti vendita di modo che i dipendenti conoscano la legge e possano reagire adeguatamente anche in situazioni difficili, rileva la fondazione. Essi hanno anche bisogno del sostegno dei propri superiori.

L'aspetto dei giovani clienti rende difficile stimarne l'età, e i dipendenti esitano a chiedere un documento d'identità. Secondo Dipendenze Svizzera, sarebbe più facile se fino a una determinata età i ragazzi dovessero automaticamente mostrare un documento quando acquistano degli alcolici.

I dipendenti accoglierebbero inoltre favorevolmente un'unificazione dell'età minima richiesta per ogni tipo di alcool, com'è il caso in Ticino e presso certi dettaglianti. Secondo un sondaggio i tre quarti della popolazione sostengono un aumento dell'età minima a 18 anni.

La situazione è particolarmente difficile nell'ambito di feste e manifestazioni, dove il personale è spesso sotto forte stress. Qui la distribuzione di braccialetti colorati faciliterebbe i controlli. Anche in bar e pub - viene affermato - ciò potrebbe rappresentare la soluzione qualora non vi siano controlli all'entrata.

Dallo studio è pure emerso che soprattutto nella ristorazione, ma anche nei piccoli spacci, sussiste il timore di subire perdite se vengono condotti controlli troppo severi e che i clienti possano acquistare l'alcool in altri punti vendita meno rigorosi.

Stando a Dipendenze Svizzera bisognerebbe quindi estendere i test d'acquisto e condurli più regolarmente. Ciò avrebbe un effetto deterrente e al contempo vigerebbero condizioni eque per tutti i rivenditori. La fondazione si dice pure favorevole a un aumento del prezzo minimo per gli alcolici.

Un altro aspetto emerso è che i venditori osservano spesso come giovani aventi il diritto di comprare alcolici li passino poi ad amici non ancora autorizzati. Qui Dipendenze Svizzera ritiene necessaria una campagna di sensibilizzazione della popolazione.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 11:05:34 | 91.208.130.86