BASILEA CITTÀ
21.08.2019 - 15:060

Acrobazie e salti nel Reno, "spettatori" a bocca aperta

Il traceur Toby Segar ha trascorso qualche giorno in Svizzera e ne ha approfittato per mostrare le sue abilità nel parkour

BASILEA - Attraversa la strada di corsa, salta su un muretto, scavalca l’intera banchina e finisce più in basso nelle acque del Reno. Sono sceniche le acrobazie effettuate negli scorsi giorni da un giovane e Basilea e riprese da più persone.

Tra chi lo osservava con ammirazione, immortalandolo in video, e chi invece storceva il naso perché «è pericoloso e vietato, lì passano spesso dei battelli», sicuramente le gesta del ragazzo non sono passate inosservate.

Ma non si tratta di improvvisazioni. Il protagonista è infatti l'inglese Toby Segar, conosciuto nel mondo del parkour (disciplina sportiva nata in Francia e considerata come l’arte di superare velocemente e in modo efficace gli ostacoli) e tre volte finalista all’edizione britannica di “Ninja Warrior”.

Il traceur ha trascorso qualche giorno, la scorsa settimana, a Basilea e ha sfruttato il territorio per le sue acrobazie. I video sono nel frattempo stati visti da migliaia di persone e sostenitori di Toby Segar.

Ma non tutti lo hanno apprezzato: «È inquietante», ha commentato uno, «è una cosa stupida fatta solo per ottenere like sui social» ha chiosato un altro.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:51:09 | 91.208.130.89