Keystone (archivio)
La centrale ha ripreso a funzionare al 97% della potenza.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
51 min
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
5 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
6 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
6 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
7 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
7 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
8 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
8 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
9 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
10 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
11 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
11 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
11 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
12 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
12 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
ARGOVIA
08.07.2019 - 12:080

La centrale di Leibstadt è di nuovo in funzione

Lo stop era scattato giovedì scorso a causa di una perdita di olio dal sistema di pompaggio

LEIBSTADT - La centrale nucleare di Leibstadt (AG) è stata riattivata e ricollegata alla rete stamane, dopo lo stop scattato nelle prime ore di giovedì scorso a causa di una perdita di olio da una valvola di un sistema di pompaggio.

La centrale ha ripreso a funzionare al 97% della potenza, indica oggi in una nota la società che gestisce il reattore. La perdita di olio è stata provocata da una guarnizione che non ha resistito alla pressione. Il pezzo è stato sostituito e testato prima del riavvio.

La perdita è stata scoperta a soli due giorni dalla riattivazione, dopo la pausa di un mese per la revisione annuale. Per l'occasione, l'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) ha anche autorizzato la ripresa della produzione di corrente a pieno regime.

Dal 2016, quando durante una revisione protrattasi per sette mesi furono scoperti scolorimenti su alcuni manicotti delle barre del combustibile, il reattore era infatti autorizzato a funzionare soltanto all'86% della potenza massima.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:08:56 | 91.208.130.87