Keystone
ZURIGO
05.07.2019 - 07:150
Aggiornamento : 11:57

Pilatus ricorre contro la decisione del DFAE

Oggetto del contenzioso è la decisione di sospendere tutte le attività del costruttore di aerei in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti

ZURIGO - Pilatus ha annunciato oggi che ricorrerà al Tribunale amministrativo federale (TAF) contro la decisione della Direzione politica del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di sospendere tutte le attività del costruttore di aerei in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti.

La decisione è stata recepita «con grande preoccupazione e incomprensione», si legge in un comunicato di Pilatus, che ritiene «inopportuno» il tempo concesso di 90 giorni entro il quale gli è stato imposto di "cessare il supporto logistico sul posto".

Il servizio clienti è un pilatro importante per il gruppo, da cui dipende quasi la metà del personale della della sede centrale di Stans (NW), viene aggiunto. Secondo l'azienda, il divieto imposto dal DFAE la scorsa settimana pone Pilatus in una posizione di enorme svantaggio rispetto agli altri costruttori di aerei e avrà gravi ripercussioni: "In considerazione dello stretto legame tra vendite e supporto logistico, risulta di fatto un futuro divieto di esportazione". Secondo il costruttore, «il Consiglio federale non era apparentemente a conoscenza della portata della decisione del DFAE».

L'azienda si sente dunque costretta a ricorrere al TAF «per chiarire la base giuridica e creare certezza di diritto per Pilatus, i suoi collaboratori e altre aziende svizzere». «Abbiamo fatto tutto correttamente», garantisce il presidente del consiglio di amministrazione Oscar Schwenk, citato nella nota.

Una decina di giorni fa, il DFAE aveva annunciato che la competente direzione del dipartimento aveva esaminato i servizi di supporto della società in quattro Stati arabi (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar e Giordania), che includono il supporto tecnico, la gestione dei pezzi di ricambio e la risoluzione dei problemi relativi al velivolo PC-21 e ai simulatori.

Stando al DFAE, queste attività rappresentano un sostegno a forze armate e sono quindi soggette all'obbligo di notifica secondo la Legge federale sulle prestazioni di sicurezza private fornite all'estero (LPSP). Dopo aver esaminato la situazione, si è giunti alla conclusione che i servizi forniti da Pilatus violano la legge, poiché incompatibili con gli obiettivi di politica estera di Berna.

La Direzione politica del DFAE è inoltre dell'avviso che esistano indizi secondo cui il costruttore nidvaldese non abbia rispettato l'obbligo di notifica previsto dalla legge. Ha dunque sporto denuncia presso il Ministero pubblico della Confederazione.

Pilatus vuole l'effetto sospensivo - Con il ricorso contro la decisione della Direzione politica del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di sospendere tutte le attività in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, Pilatus vuole ottenere anche un effetto sospensivo.

Il ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF) non ha però automaticamente questo effetto, ha spiegato all'agenzia Keystone-ATS il presidente del consiglio d'amministrazione Oscar J. Schwenk. Il DFAE ha infatti escluso questo automatismo. Secondo Schwenk si tratta di una pratica inusuale e per questo è necessario fare una richiesta separata per la sospensione.

Schwenk ha sottolineato che la decisione presa dal DFAE potrebbe avere gravi conseguenze sull'immagine dell'azienda, e che già numerosi clienti hanno chiamato, chiedendo se anche nei loro Paesi potrebbe succedere una cosa simile. Contestata è in particolare la richiesta di «cessare il supporto logistico sul posto» entro 90 giorni.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 01:45:33 | 91.208.130.87